Riforme Costituzionali, il sì della Camera

Il ddl dovra' ora tornare a Palazzo Madama per avviare l'iter della seconda lettura, come prescrive l'art. 138 della costituzione per quanto riguarda le modifiche della Carta
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

aula montecitorio battagliaROMA – L’aula della Camera ha approvato il ddl sulle riforme costituzionali con 357 si’, 125 no e 7 astenuti. A favore hanno votato Pd, Ap, Pi-Cd e Scelta civica, contrari Forza Italia, Lega, Fdi-An, Alternativa Libera e Sel. I deputati M5s non hanno partecipato al voto.

In dissenso dal gruppo sono intervenuti Stefano Fassina (Pd) che non ha partecipato al voto, Gianfranco Rotondi (Fi) che ha votato si’, Giovanni Monchiero (Sc) che non ha votato il testo. Critici i deputati Gianni Cuperlo, Pd Rosy Bindi e Alfredo D’Attorre che avvertono: se non ci saranno modifiche questo sara’ l’ultimo si’.

Il ddl costituzionale supera cosi’ la prima lettura di Senato e Camera. Dovra’ ora tornare a Palazzo Madama per avviare l’iter della seconda lettura, come prescrive l’art. 138 della costituzione per quanto riguarda le modifiche della Carta.

 

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»