A Genova completato il restyling della fontana a piazza De Ferrari

I lavori hanno riguardato l’impermeabilizzazione della pavimentazione e una completa rivisitazione del sistema idraulico con il corretto convogliamento dell’acqua dei tre sistemi di getti laterali
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

GENOVA – La fontana di piazza De Ferrari è tornata al suo massimo splendore, con gli ultimi zampilli laterali nuovamente funzionanti dopo il restyling completo di tutto il sistema delle cosiddette siepi d’acqua. L’inaugurazione finale oggi pomeriggio con l’assessore comunale ai Lavori pubblici, Pietro Piciocchi, e il presidente della Regione Liguria, Giovanni Toti. Costo complessivo 230.000 euro, con opere eseguite da Aster, la municipalizzata del Comune per i lavori pubblici.

“Questa è sempre di più la piazza della Liguria, non solo la piazza principale di Genova- commenta il governatore- è il salotto della città, nella buona e nella cattiva sorte. Merita una cura particolare. Avevamo iniziato il recupero di tutta la piazza con il rifacimento della facciata del palazzo della Regione, poi è toccato all’Accademia ligustica. Oggi festeggiamo il completamento dei giochi d’acqua”.

I LAVORI

I lavori hanno riguardato l’impermeabilizzazione della pavimentazione e una completa rivisitazione del sistema idraulico con il corretto convogliamento dell’acqua dei tre sistemi di getti laterali. I lavori si sono conclusi il 5 dicembre scorso per garantire la piena fruibilità della piazza durante le festività. “Ringrazio Aster che ha lavorato con molta solerzia, soprattutto nell’ultimo periodo- aggiunge Piciocchi- si è trattato di un lavoro molto importante perché restituisce alla piazza, simbolo della città, la sua bellezza”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

10 Gennaio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»