hamburger menu

L’intelligenza aritificiale? A Bologna la addestrano filosofi e linguisti

A Bologna c'è una società che si occupa di innovazione digitale che punta sulle competenze umanistiche per addestrare l'intelligenza artificiale: ecco come lavora Ex Machina Italia

Pubblicato:09-12-2023 19:56
Ultimo aggiornamento:10-12-2023 11:16
Canale: Bologna
Autore:
intelligenza artificiale
FacebookTwitterLinkedInWhatsAppEmail

BOLOGNA – Per fare un computer ci vuole un informatico. Per fare un’intelligenza artificiale ci vuole un umanista. Ne sono convinti i creatori di Ex Machina Italia, una società di innovazione digitale con sede a Bologna, per la precisione in Bolognina. Fondata nel 2020, in piena pandemia, la start-up è stata fondata non da neolaureati ma da persone già con una lunga esperienza alle spalle in questo campo. Ci sono quindi matematici, fisici e ingegneri, ma anche filosofi e linguisti. Ed è proprio sulle competenze umanistiche che la società punta proprio per addestrare l’intelligenza artificiale. Ma come si insegna a un cervellone elettronico? Lo spiega alla ‘Dire’ Sandro Cacciamani, ceo di Ex Machina Italia.

Prima di tutto vengono inseriti contenuti e documenti già esistenti, che vengono caricati nel sistema e che l’Ia elabora, traducendoli in un database sotto forma di domande e risposte (Faq). Da questa mole di dati, l’intelligenza artificiale ricava le risposte alle domande che gli vengono poste, facendo una ricerca semantica (e non solo per parole chiave) tra i contenuti a disposizione. Se invece non c’è una corrispondenza tra i dati in possesso e la domanda, attraverso il cosiddetto ‘Large Language Model’ (LLM) il cervellone è comunque in grado di generare al volo una risposta rielaborando i contenuti a disposizione. Dietro ogni macchina in ogni caso c’è sempre una persona, che con un’attività di back office verifica le risposte che l’Ia fornisce ed è in grado di integrarle, correggerle o completarle. Così, di conversazione in conversazione, il sistema impara ‘da solo’ e riesce a generare risposte sempre più corrette. Ed è proprio qui che entra in gioco l’umanista.

cacciamani_intelligenza artificiale

All’intelligenza artificiale infatti non vengono solo forniti i contenuti, ma le viene insegnato anche come parlare, con quale stile, che tono di voce usare, cosa dire e addirittura cosa è meglio non dire in alcune circostanze. Insomma, oltre Ia comandi (prompt) generali per ‘impersonificare’ l’intelligenza artificiale, la macchina viene addestrata con comandi più specifici anche alle finezze del linguaggio, a destreggiarsi tra ambiguità e doppi sensi, ma anche a imparare l’etica del linguaggio, grazie appunto alle ‘lezioni’ di filosofi e linguisti.

Degli umanisti, insomma, la cui competenza oggi “è la vera competenza digitale- afferma Cacciamani- il linguaggio delle macchine ormai è il nostro linguaggio, non è più una questione di programmazione. Sopra i bit ci sono tantissimi strati di tecnologia e grandi reti neurali artificiali, che vengono addestrate su enormi masse di testi generati dall’umanità”. Quando viene raggiunta una “massa critica” di informazioni immesse, l’Ia è in grado di generare da sola dei contenuti. Quindi “c’è bisogno di persone che si sono allenate, nella loro formazione, all’uso consapevole della lingua e conoscono finezze, sottigliezze e ambiguità del linguaggio– insiste il ceo di Ex Machina- la cultura umanistica è tornata centrale”. La soluzione proposta si basa sulla tecnologia ‘Twin Creator’ della società ‘Memori.ai’ di Altedo, in provincia di Bologna, di cui Ex Machina è partner e system integrator.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

2023-12-10T11:16:12+01:00

Ti potrebbe interessare: