Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Cop26, l’aumento delle temperature sarà “devastante”: previsti +2,7 gradi entro il 2100

cambiamento climatico
L'analisi presentata dal rapporto annuale di Climate Action Tracker, Greenpeace: "Governi mettano da parte le divisioni e agiscano subito"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Secondo quanto riportato dall’aggiornamento annuale di Climate Action Tracker – che, in base ai recenti annunci sulle emissioni, calcola l’impatto sul futuro aumento della temperatura globale del pianeta – se si prendono in considerazione i soli impegni assunti dai Paesi per il 2030, l’aumento della temperatura media globale sarebbe di 2,4 gradi nel 2100. Analizzando invece ciò che i Paesi stanno effettivamente facendo (e non solo le proposte) l’aumento previsto sarebbe ancora più elevato, pari a 2,7 gradi.

LEGGI ANCHE: CoP26, Greenpeace accusa: “L’Arabia Saudita lavora per bloccare le trattative”

È un rapporto devastante: i governi riuniti a Glasgow dovrebbero mettere immediatamente da parte le divisioni e lavorare con vigore e intransigenza per un accordo che salvi il futuro di tutte le persone”, dichiara Jennifer Morgan, direttrice esecutiva di Greenpeace International, “Invece stiamo assistendo a sabotaggi ed egoismi da parte dei più potenti, mentre i Paesi più vulnerabili lottano per la propria sopravvivenza e giovani attiviste e attivisti protestano per ottenere giustizia”.

LEGGI ANCHE: Greta Thunberg attacca: “La CoP26 è un fallimento”

Per Greenpeace c’è ancora tempo a Glasgow per ribaltare la situazione: “Nel testo dell’accordo finale occorre inserire l’eliminazione graduale dei combustibili fossili”, continua Morgan. Allo stesso tempo, i Paesi più ricchi devono mantenere le loro promesse sui fondi da destinare ai Paesi più poveri per l’adattamento agli impatti della crisi climatica, lo sviluppo di sistemi di energia pulita e l’abbandono dei combustibili fossili. Questo studio ci dice cosa ci riserva il futuro. Tutti sanno cosa dobbiamo fare per cambiarlo. Non ci sono più scuse, il tempo è scaduto, i nostri leader devono agire, e subito”.

LEGGI ANCHE: Cop26, con un aumento di due gradi della temperatura caldo “estremo” per un miliardo di persone: lo studio del Uk Met Office

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»