Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Dopo 40 anni l’album ‘Dalla’ rivive in edizione limitata

Ci sono anche le foto di Bologna oggi e il videoclip di 'Futura'
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Dopo 40 anni, l’album ‘Dalla’ dell’omonimo cantautore bolognese si rinnova e viene pubblicato in una versione rimasterizzata, con fotografie ambientate nella Bologna d’oggi, ma con richiami al passato. Si tratta del progetto di Legacy Recordings, la casa discografica della Sony Music dedicata alla ristampa di vecchi album, che, per celebrare i 40 anni dall’uscita dell’album di Lucio Dalla, presenta un’edizione limitata del disco. Da venerdì infatti, è in vendita ‘Dalla-40th anniversary‘, album che contiene anche un ricco libretto, tra interviste esclusive e fotografie della giovane autrice Camilla Ferrari. “Mentre ascolto Dalla, mi sento sospesa in un limbo temporale in cui tutto e niente accadono simultaneamente- racconta Ferrari, dicendosi ‘onorata’ di aver contribuito al progetto- dove la notte è protagonista e intesa non solo come assenza di luce, ma anche come metafora di un’emozione”. Da oggi, alle 14, è online su Youtube anche il nuovo videoclip di ‘Futura‘, girato dal videomaker Giacomo Triglia, che da anni realizza videoclip per molti artisti italiani, da Brunori Sas e Samuele Bersani, da J-ax a Levante.
Dalla “dichiarò che Futura nacque come una sceneggiatura, poi divenuta canzone, la storia di due amanti, uno di Berlino Est, l’altro di Berlino Ovest, divisi dal muro, che progettano di fare una figlia che si chiamerà Futura. La mia intenzione iniziale- spiega Triglia- era appunto raccontare questa storia, girando a Berlino, poi purtroppo sappiamo tutti come é andata per via del Covid”.

Sony Legacy però ha insistito per continuare il progetto, cosi’ quando e’ stato ripreso in mano “e’ come se quei due personaggi nella mia testa fossero cresciuti durante il lockdown, ho immaginato una Futura gia’ grande trasferitasi in Italia in un piccolo paesino di provincia, dove conosce un ragazzo e fanno a loro volta una figlia”, spiega il videomaker.

Dalla dunque, attraverso il lavoro di Ferrari e Triglia, in questo nuovo progetto viene celebrato anche da chi non lo ha vissuto ‘direttamente’, tanto che Ferrari spiega di aver dovuto fare un grosso lavoro di ricerca sul cantautore (“e di aver ascoltato l’album tantissime volte”) prima di scattare le foto a Bologna. Per molti, questo album che contiene tra gli altri pezzi anche ‘Cara’, ‘Meri Luis’ e ‘La sera dei miracoli’ “è ricordato come un disco che parla d’amore, in realtà è un album dove si parla di malinconia e solitudine. Sentimenti senza tempo, proprio come lo è questo disco, che non ha connotazioni storiche e che anche se ascoltato oggi e’ sempre attuale”, dice Ricky Portera, chitarrista, fondatore degli Stadio ma soprattutto storico collaboratore di Dalla, tanto che il cantautore bolognese gli dedico il brano ‘Grande figlio di puttana’.

IL COFANETTO

Il cofanetto sarà disponibile in due formati. Una versione ‘esclusiva’ in vinile, di cui sono state realizzate solo 2.000 copie, che include anche la stampa di una delle 10 fotografie di Ferrari; e la versione ‘solo’ cd, con il libretto di 24 pagine, contenente interviste e approfondimenti curati dal critico musicale John Vignola. Il disco è stato rimasterizzato negli Studi Fonoprint di Bologna da Maurizio Biancani. “Il nastro era stato archiviato molto bene, e quindi la digitalizzazione di oggi rappresenta appieno le sonorità originali del disco del 1980”, precisa Biancani.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»