NEWS:

Tg Politico Parlamentare, edizione del 9 ottobre 2023

Si parla di Israele e delle comunità ebraiche, della terza rata del Pnrr e del Vajont

FacebookTwitterLinkedInWhatsAppEmail

ISRAELE, MELONI: TERRORE NON PREVARRÀ

Il governo italiano esprime la sua vicinanza e la sua solidarietà al popolo d’Israele e alle comunità ebraiche italiane dopo l’attacco di Hamas allo Stato ebraico, che ha provocato 700 morti e 2.500 feriti. “Il terrore non prevarrà mai”, sottolinea Giorgia Meloni che ricorda anche l’attentato alla sinagoga di Roma avvenuto 41 anni fa, il 9 ottobre del 1982. Un attentato realizzato da un gruppo di terroristi palestinesi che portò alla morte di Stefano Gaj Taché, un bambino di soli due anni. “Una giornata buia- continua la presidente Meloni- una ferita per la nazione che ancora non si è rimarginata”. Intanto, mentre la difesa israeliana ha ordinato “l’assedio completo” della Striscia di Gaza, il ministro degli Esteri Antonio Tajani annuncia che stanno rientrando in aereo da Israele i primi italiani.

VATICANO: “PERIODO BUIO DELLA STORIA, RIPETIAMO ERRORI”

“È un periodo estremamente buio della storia umana. Pensavamo che le tragedie che si sono succedute nel Novecento non si sarebbero più ripetute. Invece dobbiamo constatare con grande smarrimento che stiamo ripetendo errori del passato”. C’è rammarico nelle parole con cui il segretario di Stato vaticano Pietro Parolin commenta il conflitto israelo-palestinese. “La storia non ci ha insegnato nulla”, dice il cardinale, che definisce quello attuale “un momento tragico di grande turbamento”. Ora che “è stata dichiarata una guerra vera e propria”, aggiunge Parolin, “sarà difficile fermarla”. In ogni caso, è il ragionamento del segretario di Stato vaticano, “finché non si risolve il problema della convivenza tra israeliani e palestinesi, queste cose rischieranno di ripetersi con sempre maggiore ferocia”.

ARRIVA LA TERZA RATA DEL PNRR, TENSIONI SULLA NADEF

La Commissione europea ha versato oggi la terza rata del Pnrr che ammonta a 18 miliardi e mezzo di euro. Il pagamento, spiega il ministro Raffaele Fitto, fa seguito alla valutazione positiva di Bruxelles sul raggiungimento dei 54 obiettivi previsti dal Piano. Con questa tranche, l’Italia ha ricevuto oltre 85 miliardi di euro, corrispondenti al 44% del totale del Pnrr.
Intanto, entra nel vivo la discussione in Parlamento sulla nota di aggiornamento al Def. Il leader di Azione Carlo Calenda annuncia che, se il governo non stanzierà 10 miliardi di euro sulla sanità, il suo partito non voterà lo scostamento di bilancio.

VAJONT, MATTARELLA: REPUBBLICA NON HA DIMENTICATO

“Un tormento che dopo 60 anni interroga le coscienze: la Repubblica non ha dimenticato”. Il capo dello Stato Sergio Mattarella ricorda la tragedia del Vajont in cui morirono 1.910 persone. In occasione della commemorazione del disastro, Mattarella ricorda le “pesanti responsabilità umane” della tragedia e invita a non diventare nemici della natura: “L’interazione uomo-natura è parte dell’evoluzione della natura stessa”, dice. Una “ferita profonda della nostra storia” l’ha invece definita la premier Giorgia Meloni: “La tragedia poteva e doveva essere evitata”, ha detto. Secondo il ministro dell’Ambiente Gilberto Pichetto Fratin, la tragedia del Vajont “resta una lezione attualissima. La cura del territorio è oggi una priorità”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it


FacebookTwitterLinkedInWhatsAppEmail