AstraZeneca sospende la sperimentazione del vaccino contro il Coronavirus: “Seria reazione avversa”

Secondo l'azienda farmaceutica si tratta di "un'azione di routine" che si verifica ogni volta che c'è una potenziale reazione inspiegata in uno dei test
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – L’azienda farmaceutica AstraZeneca ha sospeso momentaneamente tutti i test clinici sul vaccino contro il Coronavirus, che sta sviluppando in collaborazione con l’Università di Oxford e l’Irbm di Pomezia, dopo che uno dei partecipanti alla sperimentazione ha accusato una seria potenziale reazione avversa.

LEGGI ANCHE: Coronavirus, la Commissione europea firma il primo contratto per il vaccino: è quello di Irbm Pomezia-Oxford

Secondo AstraZeneca di tratta di “un’azione di routine” che si verifica ogni volta che c’è una potenziale reazione inspiegata in uno dei test e che consente “di indagare e assicurare allo stesso tempo il mantenimento dell’integrità del processo dei test”.

IRBM: “UNA REAZIONE AVVERSA SU 50MILA”

“I test sui vaccini, anche quelli anticovid, nonostante l’emergenza pandemica, sono severi, rigorosi e affidabili. Prova di questo è stata la sospensione volontaria della sperimentazione da parte di Astrazeneca del vaccino anticovid messo a punto dal nostro istituto di ricerca Irbm assieme all’università di Oxford.” Così in una nota l’amministratore delegato dell’istituto di ricerca Irbm di Pomezia, Piero di Lorenzo.

“Si è presentato un quadro clinico avverso in uno solo dei 50mila soggetti volontari su cui il vaccino è stato testato- prosegue di Lorenzo- La multinazionale Astrazeneca ha dunque deciso di sospendere temporaneamente la sperimentazione in nuovi soggetti, mentre continua il monitoraggio degli altri volontari”.

Una precauzione “standard” prevista nella sperimentazione di vaccini, quella di Astrazeneca, che “è utile ribadire- aggiunge ancora di Lorenzo- Siamo in attesa che il caso sottoposto al comitato indipendente di esperti venga analizzato. Aspettiamo dunque il loro giudizio per il proseguimento degli ulteriori test”, conclude.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

9 Settembre 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»