Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Gettano cinque sacchi di rifiuti in strada, donne incastrate dalle telecamere VIDEO

Il sindaco Migliarese ha intrapreso una campagna di tolleranza zero verso i comportamenti incivili dei cittadini
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA  – Due donne arrivano con l’auto in una zona isolata di Montepaone, in provincia di Catanzaro. E’ da poco passata l’ora di cena. Aprono gli sportelli e il bagagliaio e, con indifferenza, gettano cinque grandi sacchi di immondizia sul ciglio della strada. E se ne vanno. Le due non sanno che a riprenderle c’erano le telecamere del Comune, volute dal sindaco Mario Migliarese.


Migliarese ha intrapreso una campagna di tolleranza zero verso i comportamenti incivili dei cittadini. “Come avevamo preannunciato, stiamo utilizzando ogni strumento possibile per smascherare gli incivili che non rispettano le regole del nostro paese, e sfigurano Montepaone con i loro rifiuti. Grazie alle telecamere installate in diversi punti del territorio montepaonese stiamo punendo i trasgressori con salate multe“, dice il primo cittadino. Che invita anche gli abitanti del posto a una campagna social contro i trasgressori: “Ora tocca a voi prendere smartphone, tablet, e pc, cliccare su “condividi” per far sapere a tutti che a Montepaone la tolleranza è pari a zero per gli incivili sporcaccioni! #‎lecosegiuste‬“, scrive su facebook.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»