Trasporti, Colaceci: “Settore riparte, Cotral pronta a investire e niente cig”

Intervista alla presidente del Cotral, Amalia Colaceci
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

L'intervista al presidente di Cotral Amalia Colaceci

Il direttore dell'Agenzia di Stampa DiRE Nico Perrone intervista il presidente di Cotral Amalia Colaceci.Al centro del confronto lo sviluppo dei trasporti nella Regione Lazio, la situazione finanziaria dell'azienda dei trasporti e la sicurezza nei trasporti post Covid. Segui la diretta!

Gepostet von Agenzia di stampa DIRE am Donnerstag, 9. Juli 2020

ROMA – “Noi abbiamo deciso di non fare cassa integrazione e non bloccare gli investimenti, pensando che il tpl non si sarebbe fermato e che ci sarebbe stato un periodo difficile di rallentamento ma anche di sfida. Ora sta riprendendo gradualmente e sono convinta che i nostri clienti torneranno da noi“. Così la presidente del Cotral, Amalia Colaceci, nel corso di una videointervista con l’agenzia Dire.

“Ora la nostra priorità è ottenere il nuovo contratto di servizio con la Regione Lazio. Abbiamo già fatto la nostra offerta e aspettiamo la risposta- ha aggiunto Colaceci- I territori del Lazio sono tutti uguali per noi. Certo, abbiamo attenzione a quelle zone dove non c’è alternativa, ad esempio perché non c’è il ferro. Lì abbiamo portato per primi gli autobus nuovi. Se una persona parte da un punto molto distante da Roma, come Sora, Rieti o Subiaco, e non c’è la ferrovia, il comfort di viaggio per questa persona deve essere più significativo”.

“Insisterò sull’innovazione- ha aggiunto- Io credo che questa esperienza del Covid per il Paese possa essere un’occasione per ripensare i tempi di vita. Cotral ci è arrivata preparata non perché ci saremmo immaginati il Covid, ma perché 6 anni fa abbiamo pensato che i cittadini dovessero avere il diritto di viaggiare meglio e di fare un’esperienza di viaggio. Questa cosa può essere costantemente migliorata, magari attraverso un’app o altri modi per capire, ad esempio, se un autobus che sta arrivando è pieno o meno e se ne sta arrivando un altro subito dopo. E dal punto di vista della sanificazione dei mezzi stiamo studiando dei sistemi che possono diventare permanenti e che possono permettere un viaggio in un modo più salubre, anche se uno ha solo un raffreddore. Abbiamo infine lanciato un sondaggio e la risposta che stiamo avendo è che i nostri clienti sono piuttosto fidelizzati. Abbiamo domandato loro come poter migliorare l’esperienza di viaggio, chiedendo, ad esempio, se scambiano e dove, se quello che abbiamo fatto per il Covid è stato sufficiente o se c’è qualcosa che possiamo fare per migliorare ancora. A breve avremo i risultati”.

COLACECI: 31 MLN UTILI, INVESTIAMO IN TECNOLOGIA E BUS

“Abbiamo 31 milioni nel bilancio 2019, naturalmente nel 2020 sarà più difficoltoso per l’emergenza Covid. Cosa ci faremo? Restituiamo 10 milioni come utili alla Regione Lazio e altri 20 resteranno in azienda per gli investimenti, che non saranno solo per nuovi mezzi ma anche per sistemi tecnologici, nuovi depositi e tutto quanto sta già nel nostro piano industriale approvato dal socio”. Così la presidente del Cotral, Amalia Colaceci, nel corso di una videointervista con l’agenzia Dire.

“Per tutte le aziende di trasporti, e ce ne sono di virtuose, anche più grandi di noi, come Atm di Milano- ha spiegato Colaceci- credo sia possibile essere, come minimo, in pareggio di bilancio, facendo un servizio di qualità. Ma anche essere in utile. La strategia vincente è questa: ci vuole un socio che fa la sua parte e nomina un management competente e autonomo, che dia gli indirizzi ma poi lasci ai manager la responsabilità della gestione. E poi che abbia una visione: serve naturalmente un piano industriale, ma dietro ci deve essere una visione su come deve essere il trasporto e come si gestisce la cosa pubblica”.

“In questi anni- ha ricordato Colaceci- abbiamo effettuato un cambio di flotta imponente, iniziato con una prima gara nel 2017 per 400 mezzi. Da allora non ci siamo più fermati: della prima gara abbiamo fatto il sesto quinto con risorse interne e l’anno scorso abbiamo bandito una nuova gara per altri 500 mezzi. I contratti applicativi sono in corso. Non ci siamo fermati nemmeno nel periodo post covid perché riteniamo che l’azienda debba investire su se stessa“.

COLACECI: ORA PUNTIAMO SU IBRIDO E METANO

“Per la prima volta- ha aggiunto Colaceci- la Regione Lazio punta alle unità di rete per gestire il sistema del tpl dei Comuni e sull’integrazione del servizio di tpl con il trasporto privato. Cotral si sta specializzando sulle grandi direttrici verso la città e poi ci confronteremo con il ferro, integrando il trasporto interurbano. Stiamo poi ragionando su ibrido e metano perchè riteniamo che l’elettrico sull’extraurbano non sia performante. Per noi questo significa anche investimenti infrastrutturali, ma cercheremo di intercettare i finanziamenti anche per la tutela del nostro ambiente”.

COLACECI: IN CORSO BANDO PER 100 NUOVI AUTISTI COTRAL

“Anni fa- ha continuato la presidente di Cotral- abbiamo fatto un contratto di produttività che ha aumentato il tempo di guida e quindi rende minore il numero di autisti di cui abbiamo bisogno. Ma sotto numero non possiamo mai scendere. Per questo, in ragione dei pensionamenti, abbiamo fatto un nuovo bando in via telematica che si chiuderà il 16 luglio per i primi 100. Ma lasceremo la graduatoria aperta per capire se ci servirà qualcosa in più”.

COLACECI: NECESSARIO RITORNO VERIFICATORI A BORDO BUS

Nella fase post covid “non abbiamo avuto problemi ad adottare qualche normativa un po’ più restrittiva. Quella che ci ha creato più problemi, e spero che la Regione Lazio possa risolvere, è sul blocco dei verificatori a bordo dei mezzi. Visto che abbiamo fatto tanto sforzo per recuperare l’evasione tariffaria, speriamo che il più velocemente possibile ce lo sblocchino”. Così la presidente del Cotral, Amalia Colaceci, nel corso di una videointervista con l’agenzia Dire.

“Con il Governo abbiamo avuto un rapporto non come singola azienda ma come associazione di categoria- ha ricordato- Tutte le decisioni prese a livello nazionale poi la Regione le ha declinate tenendo conto della situazione del Lazio. Per questo siamo stati una delle prime Regioni che ha potuto caricare il 50%, stando poco sopra i limiti governativi. Certo abbiamo capito quali erano le loro preoccupazioni e abbiamo cercato di rispondere con quanto noi avevamo già fatto: penso alle sanificazioni e ai contapersone a bordo. In questo modo le persone hanno avuto la sensazione che i mezzi fossero più confortevoli anche dal punto di vista sanitario”.

COLACECI: PER SCUOLE LAZIO POSSIBILE RADDOPPIO SERVIZIO

Sul tema delle scuole “abbiamo un tavolo aperto con la Regione. Personalmente- ha concluso Colaceci- in questa fase sarei ancora prudente, anche se ci farebbe comodo caricare gli autobus al 100%. Mi auguro che a settembre si possa arrivare almeno a un carico dei mezzi al 100%, ma solo seduti. Poi ci stiamo calibrando con i dirigenti scolastici per capire se una minima differenziazione degli orari di entrata e uscita può farci svolgere il servizio, anche se su alcuni territori lo dovremo raddoppiare“.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

9 Luglio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»