Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Avvistamenti di lupi ormai ovunque: la Regione Emilia-Romagna allerta il governo

Lupo
L'assessore regionale all’Agricoltura Alessio Mammi ha scritto ai ministri Patuanelli e Cingolani: "Bisogna trovare urgentemente una soluzione"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BOLOGNA – Lupi che attaccano allevamenti e stalle o vengono avvistati vicino ai centri abitati in appennino e in pianura: una situazione preoccupante, con segnalazioni di cittadini e agricoltori aumentate in modo considerevole negli ultimi tempi, come conferma la Regione.

Ho scritto di nuovo ai ministri Patuanelli e Cingolanifa sapere l’assessore regionale all’Agricoltura Alessio Mammi– per riportare la preoccupazione che emerge sia per quanto riguarda il patrimonio zootecnico sia per la comparsa di lupi vicino ai paesi, con casi che destano molta apprensione. La Regione è intenzionata a proseguire nella ricerca di una soluzione che diventa sempre più urgente, dal momento che il lupo, specie protetta, ha superato il limite geografico della via Emilia ormai da molti anni e ha di fatto ricolonizzato le aree di pianura di tutte le province”.

La Regione mette già oggi a disposizione degli agricoltori strumenti economici (bandi pubblici con fondi di bilancio e bandi con fondi del Programma di sviluppo rurale) che finanziano il 100% degli interventi realizzati per sostenere l’acquisto di dotazioni anti-predazione e l’aiuto di un tecnico esperto per la valutazione delle soluzioni più adatte alla propria realtà aziendale. A breve viale Aldo Moro investirà altri 2,5 milioni di euro su un nuovo bando per la prevenzione dei danni da fauna selvatica. Ma queste misure, senza la cornice di un piano nazionale, non bastano, spiega la Regione, che ha avviato da tempo un tavolo di confronto con l’Istituto superiore per la ricerca e la protezione ambientale (Ispra) per individuare azioni da mettere in atto nel breve periodo in ottica di mitigazione dei conflitti sul territorio regionale.

Sono diversi gli aspetti legati a questo problema, spiega Mammi nella sua lettera, prima di tutto gli attacchi al patrimonio zootecnico e le loro conseguenze. Poi l’analisi della popolazione dei lupi (dalle cause di mortalità alla gestione degli esemplari feriti) e la questione dei cosiddetti lupi ‘confidenti’, che si avvicinano sempre più ai centri abitati e mettono in pericolo animali e persone. Per questo secondo l’assessore sono indispensabili protocolli operativi per intervenire sulle situazioni effettive e anche sul livello percepito di problematicità. E a questo va necessariamente affiancata una attività di formazione adeguata del personale per garantire gli interventi e l’operatività sul territorio.

“Viste le importanti interazioni di questo progetto con il ‘Piano nazionale di conservazione del lupo’ non ancora approvato- aggiunge Mammi- riteniamo fondamentale avviare un confronto con i ministeri per condividere le finalità e le metodologie del nostro programma di lavoro e valutare la possibilità di contribuire con questa esperienza, intesa come progetto pilota, alla definizione di procedure operative esportabili a livello nazionale. Finanzieremo l’acquisto di dotazioni antipredazione fino al 100% con 250.000 euro di fondi annuali regionali, e faremo un bando per la prevenzione dei danni da fauna selvatica da 2,5 milioni di euro”.

LEGGI ANCHE: In Emilia-Romagna 7.000 cambi di appuntamento per i vaccini dei 40enni

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»