Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Ciao Annarella, trasteverina e comunista che ha fatto tremare il Palazzo / Video

Annarella, la voce del popolo fuori dal palazzo, se n'è andata ieri sera, a novantuno anni
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Era piccola ed esile, ma non aveva paura di difendere i sindacalisti dagli insulti: “A fascio, io te meno!” gridò una volta, sotto la sede del Pd in via Sant’Andrea delle Fratte, dove era solita stazionare durante la segreteria Bersani. Trasteverina (così si definiva)  e comunista, Annarella ‘controllava’ l’azione dei dem, sempre pronta ad andare sotto Montecitorio per “dirne quattro” ai politici.

Celebri i suoi scontri con le sostenitrici di Silvio Berlusconi, durante il processo di Cassazione sul caso Mediaset: “Tre anni? Quindici gliene devono dà, Berlusconi deve sparire dalla faccia della terra!“.

Annarella aveva anche lanciato l’idea di fondare il ‘Movimento 5 litri’ perché “per sopportà i politici incapaci bisogna ‘mbriacasse”. Era diventata un vero e proprio fenomeno, sempre pronta a commentare la vita politica del paese e con una pagina Facebook con oltre 9.000 fans.

Allegra e ironica, ma anche arrabbiata e rassegnata, Annarella, la voce del popolo fuori dal Palazzo, se n’è andata ieri sera, a novantuno anni. Qui, alcuni video dell’Agenzia Dire per ricordarla.

di Michele Bollino




 

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»