R.D.Congo, dopo metà marzo primi riscontri dell’inchiesta Onu su agguato ambasciatore italiano

Sull'agguato, avvenuto nella provincia del Nord Kivu, stanno indagando sia la Procura di Roma che inquirenti congolesi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – I primi riscontri dell’indagine delle Nazioni Unite sull’agguato del 22 febbraio nella Repubblica democratica del Congo, con l’uccisione dell’ambasciatore Luca Attanasio, del carabiniere Vittorio Iacovacci e dell’autista Mustapha Milambo, non saranno presentati prima della metà di marzo. Secondo quanto apprende l’agenzia Dire, per la verifica del Dipartimento di sicurezza dell’Onu (Undss) bisognerà dunque aspettare ancora qualche giorno. In un primo tempo era stata indicata come riferimento la data di oggi.

Sull’agguato, avvenuto nella provincia del Nord Kivu, presso la località di Kibumba, sulla strada che conduce dal capoluogo Goma in direzione di Rutshuru, stanno indagando sia la Procura di Roma che inquirenti congolesi.

LEGGI ANCHE: R.D. Congo, magistrato ucciso vicino Goma: non indagava su Attanasio

Alcuni giorni fa dell’episodio hanno discusso nella capitale Kinshasa il presidente della Repubblica Felix Tshisekedi e David Beasley, direttore del World Food Programme, l’ente dell’Onu che aveva organizzato la missione alla quale partecipavano le tre vittime. Undss, preposto alle misure di sicurezza attuate per i programmi delle Nazioni Unite nel mondo, risponde direttamente al segretario generale Antonio Guterres.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»