Veneto, Forza Italia fa ‘lezione’ di autonomia ai suoi sindaci

VENEZIA - "Una giornata di formazione sull'autonomia" per gli amministratori veneti di Forza Italia. La annuncia
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

VENEZIA – “Una giornata di formazione sull’autonomia” per gli amministratori veneti di Forza Italia. La annuncia per sabato prossimo, 12 marzo, a Villa Bonin (Vicenza), l’assessore regionale veneto all’istruzione e alla formazione Elena Donazzan. Titolo della conferenza “Veneto, obiettivo autonomia“, organizzata da Forza Italia per i suoi amministratori. “Sarà una giornata di formazione sull’autonomia– spiega Donazzan (Fi)- e si articolerà in due parti. In un primo momento interverrà il costituzionalista Luca Antonini e spiegherà cosa cambierà se passerà la riforma costituzionale elaborata dall’attuale governo, a cui noi ci opporremmo costituendo comitati per il no e formando puntualmente i cittadini. Il focus evidenzierà le criticità di una riforma che a nostro parere è estremamente centralista e va quindi in direzione opposta alla richiesta di maggiore autonomia delle regioni.

veneto_autonomia_fi

In un secondo momento ci concentreremo invece sull’autonomia possibile in Veneto, presentando le proposte di Forza Italia”. “Fin dalla scorsa legislatura- interviene il vice presidente del consiglio regionale Massimo Giorgietti– ci siamo battuti per l’autonomia. Purtroppo la Lega ci ha fatto perdere un sacco di tempo con la proposta populista di indipendenza. Ma ora la Corte costituzionale ha dichiarato incostituzionale l’indipendenza chiarendo che l’unica strada percorribile è l’autonomia”. Una diversità di vedute con gli alleati di governo che Donazzan ha esemplificato presentando un’immagine risalente alla passata legislatura, quando la Lega affisse un manifesto in cui si dichiarava favorevole all’indipendenza, mentre Fi rispose con un altro manifesto scritto a bomboletta in cui dichiarava l’aspirazione a rendere i veneti più simili ai bolzanini che agli abitanti della Crimea.

veneto

Secondo gli esponenti di Fi, il governatore della Regione, Luca Zaia, presenterà quanto prima una proposta per l’autonomia, che sarà la sintesi del pensiero della maggioranza e che verrà poi discussa con Roma. Ciò non ha risparmiato comunque la presentazione di un emendamento per inserire le trattative per l’autonomia nel Defr (documento di economia e finanza regionale) e della Mozione 102, con cui i consiglieri regionali di Forza Italia Barison, Giorgietti e Donazzan hanno chiesto al presidente della giunta di aprire il prima possibile un negoziato a livello nazionale per definire maggiori forme di autonomia per il Veneto in particolare in materia fiscale, e a definire con urgenza la data della consultazione referendaria. “Il referendum è necessario per avere la forza di un mandato popolare quando tratteremo a livello nazionale- spiega Donazzan- e in più è un gesto democratico importante, soprattutto considerando che il governo che sta modificando la Costituzione non è stato eletto da nessuno”.

di Fabrizio Tommasini, giornalista

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»