Trasporti Campania, De Luca: “In arrivo 40 nuovi treni della circumvesuviana”

Sarà possibile grazie a un finanziamento della Banca Europea per gli investimenti e della Regione Campania
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

NAPOLI – Una nuova flotta di 40 treni per la linea ex Circumvesuviana. E’ possibile grazie a un investimento da parte della Banca Europea per gli investimenti e della Regione Campania per l’Eav, holding regionale del trasporto pubblico.

“Con questo finanziamento, 180 milioni della Regione e 68 della Bei – sottolinea il presidente della giunta regionale Vincenzo De Luca -, avremo altri treni nuovi con l’obiettivo di dare un servizio di qualità, di livello europeo, ai nostri concittadini.

Sappiamo che ci sono situazioni di sofferenza, ma il nostro programma è molto ambizioso e, soprattutto, concreto. Eav è un’azienda risanata, ha i bilanci in attivo, ha fatto nuove assunzioni e adesso acquista altri treni nuovi.

Entro un anno e mezzo la Regione avrà rinnovato tutto il parco mezzi su ferro e su gomma della Campania”. De Luca plaude soprattutto agli sforzi finanziari compiuti da Eav “che oggi – dice – è un’azienda in attivo e si colloca tra le aziende più all’avanguardia d’Italia“.

L’obiettivo della Bei, attraverso questo finanziamento per l’ex Circumvesuviana, è quello di diminuire la congestione del traffico per ridurre l’inquinamento. L‘investimento rientra nell’ambito del Piano Juncker ed è il primo per un’azienda di trasporto del Sud Italia.

“Parliamo di un’area – spiega Dario Scannapieco, vicepresidente della Banca Europea per gli Investimenti -, quella metropolitana di Napoli, tra le più densamente popolate d’Europa: 47 Comuni e una popolazione di 2,5 milioni di persone.

Le linee della Circumvesuviana sono utilizzate anche da un grande numero di turisti che raggiungono siti di interesse culturale come Pompei ed Ercolano. Parliamo, allora, di un investimento strategicamente importante per pendolari e turisti. Inoltre, l’avvio di nuovi treni elettrici avrà un considerevole impatto nella riduzione dell’inquinamento, aiutando così il raggiungimento degli ambiziosi ma raggiungibili obiettivi fissati dalla Ue e dalla Bei in termini di impatto ambientale”.

Soddisfatto il presidente di Eav Umberto De Gregorio che annuncia “assunzioni per 700 nuovi dipendenti entro due anni con un abbassamento dell’età media dei lavoratori a 45 anni. Abbiamo riqualificato – aggiunge De Gregorio – già 35 stazioni, siamo primi nel contrasto all’amianto, per i contenziosi chiusi e i tempi di pagamento. Anche la firma di questo contratto è un primato: è la prima volta che la Bei finanzia un’azienda di trasporto pubblico nel Sud. Posso dire che per la Circumvesuviana avremo 90 treni, a differenza dei 60 attuali, tutti revampizzati o completamente nuovi”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

9 Gennaio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»