Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Banche, +0,3% dei prestiti alle famiglie, -1,1% alle società non finanziarie

Queste le 'Principali voci dei bilanci bancari' nel
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

banca d'italiaQueste le ‘Principali voci dei bilanci bancari’ nel mese di luglio diffuse dalla Banca d’Italia.

RACCOLTA – A luglio il tasso di crescita sui dodici mesi dei depositi del settore privato è stato pari al 3,7 per cento (3,8 per cento a giugno). La raccolta obbligazionaria, includendo le obbligazioni detenute dal sistema bancario, è diminuita del 17,8 per cento su base annua (-18,4 per cento nel mese precedente).

PRESTITI-  I prestiti al settore privato, corretti per tener conto delle cartolarizzazioni e degli altri crediti ceduti e cancellati dai bilanci bancari, hanno registrato una contrazione su base annua dello 0,6 per cento (-1,0 per cento a giugno). I prestiti alle famiglie sono cresciuti dello 0,3 per cento sui dodici mesi (0,1 per cento nel mese precedente); quelli alle società non finanziarie sono diminuiti, sempre su base annua, dell’1,1 per cento (-1,6 per cento a giugno).

SOFFERENZE – Il tasso di crescita sui dodici mesi delle sofferenze – senza correzione per le cartolarizzazioni ma tenendo conto delle discontinuità statistiche – è risultato pari al 14,3 per cento (14,7 per cento a giugno).

TASSI DI INTERESSE – I tassi d’interesse, comprensivi delle spese accessorie, sui finanziamenti erogati nel mese alle famiglie per l’acquisto di abitazioni sono stati pari al 3,02 per cento (3,01 nel mese precedente); quelli sulle nuove erogazioni di credito al consumo all’8,13 per cento, come a giugno. I tassi d’interesse sui nuovi prestiti alle società non finanziarie di importo fino a 1 milione di euro sono risultati pari al 2,93 per cento (2,88 per cento nel mese precedente); quelli sui nuovi prestiti di importo superiore a tale soglia all’1,56 per cento (1,70 per cento a giugno). I tassi passivi sul complesso dei depositi in essere sono stati pari allo 0,56 per cento (0,61 per cento nel mese precedente).

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»