hamburger menu

Petrolio, dal ministero no al permesso di ricerca in provincia di Potenza

Il sindaco Larocca: "Una grande notizia per tutto il comune di Brindisi Montagna e per la salvaguardia del suo territorio"

POTENZA – Il ministero della Transizione ecologica ha rigettato l’istanza di permesso di ricerca di idrocarburi a Masseria La Rocca, nel comune di Brindisi di Montagna, in provincia di Potenza. Lo rende noto il sindaco, Gerardo Larocca, esprimendo “viva soddisfazione”. “Il procedimento relativo è stato definitivamente chiuso con l’adozione del provvedimento finale di rigetto – ha spiegato Larocca – comunicato il 31 maggio scorso. L’avviso ufficiale è stato oggetto di formale pubblicazione”.

Per il primo cittadino si tratta di “una grande notizia per tutto il comune di Brindisi Montagna per la salvaguardia del suo territorio, per l’ambiente, per gli ecosistemi, per la sua vocazione turistica ed agricola e per tutta la comunità brindisina”. Larocca sottolinea come il risultato sia “frutto della grande resilienza, della tenacia, della perseveranza, dell’attenzione certosina e di un lungo lavoro, durato anni, che ha visto come protagonisti assoluti, innanzitutto, i propri cittadini riuniti nel locale comitato No Triv e il Comune di Brindisi, con l’ausilio anche degli altri enti superiori competenti in materia, nelle tante battaglie tenute nelle sedi istituzionali deputate e nelle aule giudiziarie ai più vari livelli (Tar, Consiglio di Stato, Cassazione, Corte Costituzionale), con l’impiego anche di cospicue somme, reperite con una certa difficoltà nell’ambito del ristretto bilancio comunale, per resistere nei diversi procedimenti giudiziari e per porre fine in maniera definitiva alla problematica”.

Larocca non dimentica poi il contributo dei mass media e “il supporto e la vicinanza di tanti altri amministratori locali e delle tante associazioni ambientaliste lucane e non”. L’epilogo della vicenda secondo il sindaco “radica ancora di più il senso di appartenenza a una comunità e a un piccolo territorio che fanno di tutto per cercare di sopravvivere alle derive e complessità dei tempi”. 

FacebookTwitterLinkedInWhatsAppEmail

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

2022-06-08T12:50:30+02:00