L’Associazione Italiana di Fisioterapia compie 62 anni, un compleanno nel nome della ricerca

Sulla rivista internazionale 'Physical Therapy' lo studio sull'impatto del Covid-19 sui fisioterapisti italiani
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Un compleanno speciale festeggiato con una pubblicazione importante: l’8 giugno del 1959 nasceva l’Associazione (allora Aitr poi Aifi) – che sarebbe divenuta nel tempo l’associazione maggiormente rappresentativa di riferimento per la professione – e oggi la Fisioterapia festeggia il 62esimo compleanno dell’associazione scientifica di riferimento con la pubblicazione sulla prestigiosa rivista internazionale ‘Physical Therapy’ dell’articolo ‘The Spread of Covid-19 Among 15.000 Physical Therapists in Italy: A Cross-Sectional Study’ in cui si descrive lo studio condotto dal comitato scientifico di Aifi sull’impatto che il Covid-19 ha avuto sui fisioterapisti in Italia nella prima ondata della pandemia.

LO STUDIO SULL’IMPATTO DEL COVID-19 SUI FISIOTERAPISTI IN ITALIA

“Lo studio, possibile grazie alla collaborazione delle Commissioni di Albo e la Federazione nazionale degli Ordini Tsrm Pstrp che hanno diffuso un apposito questionario- precisa Silvia Gianola, fisioterapista ricercatore dell’Irccs Istituto Ortopedico Galeazzi di Milano, primo autore dello studio e membro del Consiglio Direttivo nazionale di Aifi- ha visto la partecipazione di 15.556 fisioterapisti e ha richiesto un lungo lavoro di analisi e produzione. Si è evidenziato che 1 fisioterapista su 7 è risultato positivo al Covid-19 nella prima ondata e, grazie a questa indagine, sono stati definiti anche i segni e sintomi prevalenti e quali fattori di rischio sembrerebbero essere stati correlati al manifestarsi della malattia”.

Lo studio verrà presentato giovedì 10 giugno (ore 21) su Aifi Channel (www.Aifi.net), il canale di web-television che in 15 mesi di programmazione online ha registrato oltre 60mila spettatori collegati alle sue trasmissioni. Nell’ultimo anno, con la nascita delle Commissioni di Albo dei Fisioterapisti, Aifi ha completato la piena trasformazione in Associazione Tecnico Scientifica con un nuovo Statuto, approvato in ottobre 2020, e mutando la propria denominazione in Associazione Italiana di Fisioterapia (Aifi). “Abbiamo radici solide grazie alla passione e all’impegno dei tanti pionieri che dal quel giugno 1959 hanno letteralmente ‘fatto la storia’ della professione. Grazie a loro possiamo vivere il presente e costruire il futuro. Per questo crediamo che questa importante pubblicazione sia un ottima modalità per festeggiare il compleanno della nuova società scientifica- spiega Simone Cecchetto, presidente nazionale Aifi- che ben rappresenta la nuova mission di Aifi: sviluppo della disciplina e della scienza della Fisioterapia attraverso il miglioramento costante della pratica clinica e la ricerca, nonché diffusione della consapevolezza, nei cittadini e nelle istituzioni, dell’importanza che la Fisioterapia può avere per rispondere ai bisogni di salute della popolazione”. 

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»