Staffetta Democratica: “Il nostro documento è il punto di partenza per una Maratona Culturale in autunno”

'Durante la pandemia messi a fuoco 15 punti per strategia di sviluppo del settore'
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA –  “Nei mesi di lockdown il think tank Staffetta Culturale, parte del piu’ ampio Staffetta Democratica, costituito da professioniste del settore, ha redatto un documento in 15 punti di proposte strategiche da sottoporre alle istituzioni come contributo per ripensare il futuro della Cultura. Durante la pandemia e’ emerso con evidenza che il patrimonio culturale e’ la prima risorsa del nostro Paese sia in termini identitari e di crescita civile sia in termini di elevato potenziale dello sviluppo economico perseguibile. E’ sotto gli occhi di tutti come questo settore costituito da realta’ pubbliche e private, data la sua natura estremamente frammentaria, esca da questa crisi profondamente danneggiato. In particolare le competenze delle donne che lavorano in questo ambito sono le piu’ colpite e serve un’attenzione particolare che colmi il gap iniziale vertiginosamente ingrandito durante la pandemia. La speranza e’ che si possa contribuire a delineare una possibile nuova rotta che faccia diventare l’arte e la cultura il volano dell’intera economia nazionale e annulli il gap subito dall’universo femminile in questo come in altri ambiti. Il documento che si presenta vuole essere il punto di partenza per una Maratona Culturale, su cui si sta gia’ lavorando e che si terra’ il prossimo autunno e gia’ da subito siamo impegnate con una serie di interviste ai protagonisti del mondo della Cultura per evidenziare le difficolta’ e le soluzioni per trasformare la crisi in una grande opportunita’ di crescita e di sviluppo di . Staffetta Culturale”. Cosi’ in una nota Staffetta Democratica.

 

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

8 Giugno 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»