Negli slum del Kenya i parrucchieri puntano sul “corona hairstyle”

Costa meno delle acconciature con i capelli veri o sintetici in voga prima del lockdown, e c'è chi dice aiuti pure la prevenzione
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – Con la ripresa o comunque l’allentamento delle norme di distanziamento anti-Covid-19, è il momento dei parrucchieri. Anche a Kibera e nelle altre baraccopoli del Kenya, dove la nuova moda si chiama “corona hairstyle”. Punte intrecciate e attorcigliate a mo’ di antenne ricurve, a disegnare in aria i filamenti del nuovo virus. Un modo per rendere consapevoli dei rischi di contagio, annota la stampa di Nairobi, secondo la quale in questo modo si spinge a rispettare le norme sanitarie e allo stesso tempo si consente di risparmiare un po’.

IN KENYA L’ACCONCIATURA TI RICORDA IL VIRUS E COSTA POCO

Per anni in Kenya e in altri Paesi africani sono andate di moda acconciature con capelli veri o sintetici importati dall’India, dalla Cina o dal Brasile. Ora, in tempi di crisi, il “corona hairstyle” ha il vantaggio di costare tra le sei e le dieci volte meno: da Sharon Refa, parrucchiera 24enne finita in un servizio del quotidiano britannico The Guardian, appena 50 scellini, 42 centesimi di euro.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

8 Giugno 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»