Educazione degli adulti: presentate oggi risorse sul tema della salute

SEMINARIO EPALE
Le buone pratiche italiane nel seminario nazionale EPALE
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – L’educazione alla salute è tra i temi forti legati all’Educazione degli Adulti nel Programma Erasmus+, nel suo mirare alla globalità della persona, in una tensione permanente verso il  miglioramento dello stile di vita e della qualità della stessa. Sul questo tema l’Unità Epale Italia, la  community europea dei professionisti dell’apprendimento permanente e parte di Erasmus+, organizza  oggi il seminario online Educare alla salute, comunicare il ben-essere. La salute come diritto  dell’individuo e interesse della collettività tra i principi di universalità e di uguaglianza”. 

“Nell’ultimo anno – dichiara Lorenza Venturi, Capo Unità Epale Italia -, a causa dell’emergenza sanitaria,  l’attenzione alla salute è cresciuta in modo drammatico. L’evento di oggi è pensato per favorire  l’incontro tra due mondi, quello sanitario e quello educativo, per uno scambio di idee sull’educazione  come strategia per migliorare il livello di benessere attraverso la promozione di stili di vita salutari e  adeguati, soprattutto in una logica di invecchiamento sano e attivo”. 

Il webinar è realizzato in collaborazione con l’Università degli Studi di Torino e propone una riflessione  legata allo sviluppo delle competenze e delle capacità delle persone per migliorare il livello di  consapevolezza dell’importanza dello star bene nella comunità, anche in presenza di patologie o di  fragilità già presenti. È auspicabile aumentare il livello di health literacy per il cittadino per metterlo in  grado di reperire informazioni e servizi, comunicare le proprie esigenze, analizzare ed elaborare il  significato e l’utilità delle prestazioni, comprendere appieno le scelte, il contesto e le conseguenze. 

Durante l’incontro vengono presentate alcune tra le migliori pratiche presenti sul territorio italiano, che  offrono risorse utili ai professionisti del settore e disponibili anche per l’intera collettività. 

RadioLinda è una delle esperienze presentate. L’associazione opera a tutela dei diritti dei soggetti fragili  in termini di salute, che necessitano di solidarietà e assistenza. RadioLinda promuovere il processo di  sviluppo delle capacità e delle competenze delle persone per assumere comportamenti utili al  mantenimento e al miglioramento della propria salute. L’associazione aiuta a conoscere i diritti dei  pazienti, informandoli e sostenendoli anche da un punto di vista normativo e legislativo. Maggiori  informazioni sono disponibili a questo link: RadioLinda: un’associazione per la promozione del benessere  e la tutela dei diritti delle persone fragili | EPALE (europa.eu) 

La Asl Toscana Centro, ambito Prato presenta il libro nato all’interno dell’ospedale Santo Stefano di  Prato, che raccoglie le esperienze degli operatori della sanità pratese: medici, infermieri, operatori  sanitari, operatori della vigilanza, portieri, personale delle pulizie, dell’accoglienza, dell’area tecnica, dell’area amministrativa, del servizio prevenzione e protezione e tanti altri. Testimonianze ed esperienze dedicate a chi è stato colpito dal virus del Covid-19, dal dolore, dallo sgomento e dalla paura. Info: https://epale.ec.europa.eu/it/content/al-di-la-della-sottile-linea-storie-di-straordinario-coraggio un-libro-raccontare-le 

L’idea di utilizzare la narrazione nella gestione delle malattie è parte anche del lavoro intrapreso dalla  sede di Torino dell’Inail, l’Istituto pubblico che si occupa degli infortuni sul lavoro e delle malattie  professionali. Durante il seminario viene presentato il volume Fare i racCONTI con il Cambiamento, un  libro che raccoglie storie di persone che hanno vissuto o stanno vivendo l’esperienza di un infortunio o  della malattia professionale, in prima persona o come famigliare, per superare il trauma e acquisire  maggiore consapevolezza dell’importanza della sicurezza sul lavoro 

Un approfondimento è disponibile in questo blog: epale.ec.europa.eu/it/blog/fare-i-conti-con-il cambiamento 

Il volume è disponibile in questa pagina: //www.inail.it/cs/internet/docs/ucm_117040.PDF 

Pillole di Movimento e di lunga vita è un progetto con tante attività per promuovere l’attività motoria  quotidiana come farmaco di salute. Lunga Vita Attiva è un’associazione di promozione sociale nata a  Trieste per rispondere alle esigenze di un territorio con caratteristiche peculiari: una popolazione di  anziani tra le più alte in Italia, un solido sistema di ricerca, di medicina ed assistenza, un ampio sistema  di impianti sportivi ed una antica e diffusa cultura sportiva che si può trasformare in cultura del  movimento per un invecchiamento attivo e consapevole. L’Associazione opera per incrementare la  partecipazione delle persone adulte e senior all’attività motoria e allo sport e incoraggiare la  responsabilizzazione del proprio invecchiamento attraverso la modifica dei comportamenti verso  l’adozione di stili di vita sani ed attivi. Promuove la comunicazione e la solidarietà tra generazioni per  una maggiore inclusione sociale e la creazione di spazi urbani ricreativi per una città più vivibile a  vantaggio di tutti. epale.ec.europa.eu/it/blog/pillole-di-movimento-e-pillole-di-lunga-vita-un-progetto-e-tante-attivita-promuovere-lattivita

Risorse e materiali del seminario sono raccolte in questa pagina: epale.ec.europa.eu/it/content/educare-alla-salute-comunicare-il-benessere-buone-pratiche-di promozione-della-salute

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»