Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Covid, Boccia: “Collaborando con gli enti locali riusciremo a fare vaccini nel 90% delle province”

Francesco Boccia
Ci saranno oltre 300 punti di somministrazione e, secondo Toti, verranno assunte 10.000 persone assegnate alle varie regioni
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Il lavoro che sta portando avanti il commissario all’emergenza Arcuri insieme alle regioni sul piano di distribuzione dei vaccini, è uno snodo fondamentale per intraprendere la strada che porta all’uscita definitiva dalla pandemia. Lo sforzo dello Stato è massimo sia per le risorse che per l’utilizzo dell’esercito per la custodia e lo stoccaggio. Con i quasi 300 punti di somministrazione nei presidi ospedalieri riusciremo a coprire il 90% delle Province italiane”. Così il ministro per gli Affari regionali e le autonomie, Francesco Boccia, al termine dell’incontro con le regioni, il ministro della Salute Roberto Speranza, e il commissario all’emergenza Domenico Arcuri.

“Mai come in questo momento- aggiunge Boccia- il rapporto di collaborazione con le Regioni e gli Enti locali sarà decisivo nel contrasto al virus. Fino ad allora, serviranno rigore e responsabilità nei comportamenti in modo da raffreddare ancora la curva dei contagi e fermare il numero di decessi che, ancora oggi, ha toccato più di 500 famiglie italiane”.

LEGGI ANCHE: Abruzzo, Boccia e Speranza diffidano Marsilio: “Revochi l’ordinanza o gravi conseguenze”

TOTI: “COMINCEREMO LE VACCINAZIONI ENTRO GENNAIO”

“È ragionevole pensare che entro il mese di gennaio inizieranno le vaccinazioni per l’intero comparto sanitario e per il personale e gli ospiti delle Rsa. Mentre la seconda parte di vaccinazioni più massive della popolazione si andrà ad attivare, e spero concludersi, nel secondo e terzo trimestre dell’anno prossimo. Mi auguro che entro settembre sia coperto tutto il campione nazionale”. Così il presidente della Regione Liguria e vicepresidente della Conferenza delle Regioni, Giovanni Toti. “Vi sarà un bando nazionale per l’assunzione di circa 10.000 persone che effettueranno i vaccini e che saranno assegnate alle varie Regioni e, certamente, saranno coinvolti i medici di medicina generale- prosegue il governatore- inoltre, l’anagrafe vaccinale sarà istituita dal commissario nazionale, così come l’hub di stoccaggio all’aeroporto di Pratica di mare da cui la struttura di Arcuri invierà i vaccini nei territori. Tutta la catena logistica non sarà gestita dalle Regioni, ma dal commissario straordinario nazionale. Per le priorità delle vaccinazioni della seconda fase e i luoghi delle vaccinazioni, troveremo la quadra dopo Natale”.

LEGGI ANCHE: Alta tensione tra Governo e Regioni, Toti: “Dl pubblicato senza confronto, scorretto”

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»