Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Razzi: “Se Mattarella mi chiama, io sono pronto”

Il senatore di Forza Italia vorrebbe come ministro Maria Elena Boschi: "E' giovane,ha lavorato ed è preparata, ci si fa bella figura se la portiamo all'estero, è anche bella"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

razziROMA – “Mattarella cerca un garante per guidare il Paese ad una nuova legge elettorale? Se il Presidente dovesse chiamarmi mi farei trovare pronto”. Lo dice il senatore di Forza Italia, Antonio Razzi, ai microfoni di Radio Cusano Campus,l’emittente dell’Università Niccolò Cusano, nel corso del format ECG, condotto da Roberto Arduini e Andrea Di Ciancio.

“Io sono pronto su tutto- afferma Razzi-, sono uno che ha sempre lavorato, non ho paura di niente. Il mio primo passo da Premier? Pensare alla gente che non ha lavoro, troppi giovani non hanno lavoro. E poi abbasserei le tasse agli imprenditori, per non farli andare all’estero. Ci vuole un cambiamento, un governo che va e che fa. Bisogna abbassare la tassa agli imprenditori. Questa sarebbe la prima mossa di un Razzi premier. Farei pagare al massimo un 30% di tassazione e riporterei l’Iva al 20% per ridare serenità al Paese. Comunque, Mattarella dovrebbe chiamare Berlusconi. Dirgli Silvio, qui le cose non vanno, pensaci tu. E lui in qualche mese cambierebbe tutto”.

Razzi nel costruire la propria squadra di Governo terrebbe in considerazione Maria Elena Boschi: “Come ministro dell’economia prenderei un giovane, da una delle nostre ottime università. Alla Boschi darei una seconda possibilità. E’ giovane, ha già avuto una buona esperienza, io la farei rimanere. Non è che è colpa sua se non è passata la riforma. E’ una ragazza di 35 anni che ha lavorato ed è preparata, ci si fa bella figura se la portiamo all’estero, è anche bella. L’occhio vuole il suo sguardo. E’ difficile arrabbiarsi davanti alla Boschi, perché ha sempre il sorriso. Una che è bella e ti sorride, come fa a farti arrabbiare?”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»