Tg Sanità – Edizione del 7 ottobre

Dalla vicenda del San Camillo di Roma, dove un uomo malato di cancro terminale è stato abbandonato per 56 ore su una barella del pronto soccorso ed è morto in corsia sotto gli occhi di tutti, al caos dei pronto soccorso italiani descritto dal Rapporto del Tribunale per i Diritti del Malato di Cittadinanzattiva e dalla Società italiana della medicina di emergenza-urgenza; dall’audizione alla Camera del ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, sui Livelli essenziali di assistenza, ai 48mila nuovi casi di tumore alla mammella di cui si è discusso in occasione del forum sulla prevenzione organizzato dall’Associazione Artemisia Onlus; dal summit internazionale delle cooperative socio sanitarie in Canada, con la presenza italiana di Federazione Sanità – Confcooperative, al nuovo progetto del governo che ha deciso di investire sugli studenti ‘plusdotati’ delle scuole superiori, con un assegno mensile da destinare loro.
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Dalla vicenda del San Camillo di Roma, dove un uomo malato di cancro terminale è stato abbandonato per 56 ore su una barella del pronto soccorso ed è morto in corsia sotto gli occhi di tutti, al caos dei pronto soccorso italiani descritto dal Rapporto del Tribunale per i Diritti del Malato di Cittadinanzattiva e dalla Società italiana della medicina di emergenza-urgenza; dall’audizione alla Camera del ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, sui Livelli essenziali di assistenza, ai 48mila nuovi casi di tumore alla mammella di cui si è discusso in occasione del forum sulla prevenzione organizzato dall’Associazione Artemisia Onlus; dal summit internazionale delle cooperative socio sanitarie in Canada, con la presenza italiana di Federazione Sanità – Confcooperative, al nuovo progetto del governo che ha deciso di investire sugli studenti ‘plusdotati’ delle scuole superiori, con un assegno mensile da destinare loro.

Ecco le principali notizie contenute nel nostro TG Sanità.

Buona visione!



Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»