“Matteo e Pierluigi, non dividiamoci”: da Modena l’appello al Pd nazionale

Lo diffonde il giovane Andrea Bortolamasi per invocare, dal territorio, unità nel partito
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

MODENA – “Caro Matteo e Caro Pierluigi”. Inizia così l’appello che il segretario del Pd di Modena, il giovane Andrea Bortolamasi, diffonde oggi per invocare, dal territorio, unità nel partito. Il tema dell’eventuale e discussa scissione dem è molto sentito a Modena, dove la ‘sinistra’ conta nella nuova segreteria cittadina di Bortolamasi e non solo.

A. Bortolamasi
A. Bortolamasi

Alla luce delle recenti fibrillazioni della minoranza del partito, a fine luglio era stata la senatrice Maria Cecilia Guerra, pur negando spaccature formali anche a cascata, a tenere banco con i suoi distinguo a Roma (sulla riforma della Rai in primis). A Modena solo il consigliere Francesco Rocco ha lasciato, da sinistra; altri strappi non sono all’orizzonte ma non si sa mai. Così, Bortolamasi, nativo Pd vicino al governatore Stefano Bonaccini, prende carta e penna e, parlando alla ‘Dire’, si fa avanti. “Quella che inizia oggi- segnala il segretario- è una settimana importante, da domani riparte l’iter in Senato della riforma costituzionale, una delle riforme chiave di questa legislatura. Un passo decisivo, per il nostro Partito. Lo si vede e lo si sente negli stand delle Feste, che in questi mesi sono in funzione e a pieno regime, dando un’immagine bellissima di cosa vuol dire fare politica e sentirsi comunità”. Dalle feste “la richiesta che arriva è quella dell’unità, del Partito. E’ difficile, lo so bene (e lo vivo quotidianamente nella mia esperienza politica) ma è gratificante, perché solo insieme, siamo davvero il Pd“, sottolinea Bortolamasi. Bisogna ripartire dalle cose buone fatte insieme, è l’invito del segretario modenese a tutte le correnti parlando di “partito che è stato capace di rimettere in moto il Paese: lo testimoniano i dati economici”. [Prosegue nel notiziario DIRE in abbonamento]

di Luca Donigaglia

Giornalista professionista

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»