NEWS:

Roma. Denuncia favoritismi ad un senatore, lavoratore dell’Umberto I rischia il licenziamento

Durante il 'passaggio' al Pronto soccorso dell'ospedale romano, il senatore avrebbe ricevuto un trattamento privilegiato

Pubblicato:07-05-2019 14:11
Ultimo aggiornamento:17-12-2020 14:26
Autore:

umberto i
FacebookLinkedInXEmailWhatsApp

ROMA – Una denuncia, che poi era solo una condivisione sui social di un post di una associzione. E ora Giuseppe Evangelista, dipendente del Policlinico Umberto I di Roma, rischia il licenziamento.

La notizia, di queste ore, è partita dai social e ora sta montando, complice anche la decisione del Consiglio di Disciplina di convocarlo: “C’è il rischio di licenziamento- ha raccontato Evangelista all’agenzia Dire- perché sono recidivo”. Tutto nasce il 3 aprile, quando il senatore Pd Matteo Richetti viene portato all’Umberto I in codice rosso, dopo essere stato investito da un’auto Ncc in via del Tritone.

Durante il ‘passaggio’ al Pronto soccorso dell’ospedale romano, il senatore Pd avrebbe ricevuto un trattamento privilegiato: “Diffondiamo questa testimonianza su un grave episodio accaduto al Policlino Umberto I di Roma- si legge nel post del Coordinamento cittadino sanità- emblematico del modo di gestire la Sanità Pubblica. Da una parte il triste calvario quotidiano a cui ogni cittadino ammalato è costretto a sottoporsi nella speranza di ricevere cure. Dall’altra le corsie preferenziali garantite a politici cui, magari senza nemmeno averne bisogno, vengono risparmiate le file al pronto soccorso e garantiti ricoveri in reparti di emergenza”.


Questo post è stato condiviso da Evangelista, da quì l’intervento del Policlinico Umberto I: è stato convocato dal Consiglio di Disciplina il 20 maggio prossimo “per aver danneggiato l’immagine dell’Azienda Policlinico”.

Racconta Evangelista: “Ho condiviso un post del Coordinamento nel quale veniva riportata la vicenda del senatore Pd che in poco più di due ore dal suo ingresso in Pronto Soccorso è stato ricoverato in Rianimazione, per essere dimesso il giorno dopo- ha detto- mentre nella famigerata ‘piazzetta’ del Pronto soccorso i pazienti gravi stazionavano da giorni senza trovare uno straccio di posto letto in chirurgia generale”.

A complicare la posizione del dipendente è il fatto di essersi trovato già in una situazione simile: “Visto che sono recidivo, la contestazione fa capire che stavolta è molto probabile il licenziamento”.

L’illustre paziente, ha detto ancora il dipendente del Policlinico, “tempo due ore in cui è stato sottoposto ad ogni controllo, è stato subito portato in sala rossa nonostante stesse bene. Infatti il giorno dopo è stato dimesso. Abbiamo visto venire tutti, dal direttore del Policlinico a quello del Dea, poi D’Amato, Madia e Martina. Non aveva niente di particolare, ma è stato ricoverato in rianimazione. In contemporanea, c’erano diversi pazienti in attesa con patologie serie”.

Per Giuseppe Evangelista “Richetti di questa situazione si è forse reso conto fino ad un certo punto”.

E già in passato Evangelista racconta di aver vissuto una situazione simile: “Circa 2-3 anni fa- racconta- era una domenica mattina. Arriva l’ex direttore generale dell’Umberto I con una gamba rotta. Fu una vicenda fuori dal normale: nonostante il giorno, arrivarono l’equipe della sala operatoria con tanto di anestesista. La sensazione generale è che ci sia disparità, un servilismo politico”.

A dicembre 2018 intanto Evangelista ha terminato di scontare una precedente sanzione “e per darmela ci hanno messo 4-5 mesi. Questa volta, però, si devono sbrigare visto che l’1 agosto io vado in pensione…”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it


California Consumer Privacy Act (CCPA) Opt-Out IconLe tue preferenze relative alla privacy