Sanremo, i Maneskin vincono il Festival. E lo share premia Amadeus

La finale registra il 49,9% di share nella prima parte della finale con ben 13milioni e 203mila gli spettatori.
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

SANREMO – I Maneskin con la loro ‘Zitti e buoni’ vincono la 71esima edizione del Festival di Sanremo. Al secondo posto la coppia formata da Francesca Michielin e Fedez. All’ultimo gradino del podio Ermal Meta. Damiano, Victoria, Ethan e Thomas rappresenteranno l’Italia al prossimo Eurovision Song Contest, in programma il 22 maggio a Rotterdam.

A WILLIE PEYOTE IL PREMIO DELLA CRITICA ‘MIA MARTINI’

È Willie Peyote, alla sua prima partecipazione al Festival di Sanremo con ‘Mai dire mai (La locura)’, a vincere il premio della critica ‘Mia Martini’ assegnato dalla sala stampa. Secondi e terzi più votati dalla sala stampa, invece, Colapesce e DiMartino e gli Extraliscio con Davide Toffolo. I primi vincono il premio ‘Lucio Dalla’ della sala stampa radio-tv-web. Sul podio, al secondo e terzo posto, Annalisa ed Ermal Meta. Al cantautore, che ha partecipato con ‘Un milione di cose da dirti’, il premio ‘Giancarlo Bigazzi’ per la miglior composizione musicale, assegnato dall’orchestra della kermesse. Il premio ‘Sergio Bardotti’ per il miglior testo va a Madame. La rapper, nel cast con ‘Voce’, si era aggiudicata all’inizio della settimana – per la stessa categoria – anche il Premio Lunezia, speciale Sanremo.

FINALE PREMIA IL FESTIVAL, LA KERMESSE CHIUDE AL 49,9% DI SHARE

La Rai e Amadeus, dopo una settimana di alti e bassi in materia di ascolti, possono dirsi soddisfatti. Il Festival di Sanremo, che nella notte ha chiuso la sua 71esima edizione con la vittoria dei Maneskin, registra il 49,9% di share nella prima parte della finale. Ben 13milioni e 203mila gli spettatori che si sono sintonizzati. Al 62,5% di share la seconda porzione della puntata con 7milioni e 730mila spettatori. L’anno scorso Amadeus aveva chiuso con una media di 60,6% di share un’edizione che lo stesso direttore artistico ha definito storica.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»