Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

A 5 anni dalla scomparsa di Bowie arriva la graphic novel ‘Saetta Rossa’

BOWIE_SAETTA_ROSSA
In uscita per Panini Comics il prossimo 10 gennaio
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – There’s a starman waiting in the sky… un sottofondo musicale è d’obbligo per entrare nel mondo di Saetta Rossa, la graphic novel di Marco B. Bucci e Riccardo Atzeni che ridefinisce la science fiction, in uscita per Panini Comics il prossimo 10 gennaio, giorno del quinto anniversario della scomparsa del Duca Bianco. Il giorno in cui si apprende della morte di David Bowie, tutto smette di avere senso e Samuel resta letteralmente paralizzato. Per un milione di anni. Si risveglia in una società del futuro apparentemente non così diversa dalla sua, per quanto sia circondato da persone vestite da dinosauro, tecnologie biologiche integrate e ci sia un benessere globale. È forse l’utopia del futuro? Samuel cercherà di scoprirlo e di ritrovare la sua dimensione senza perdere sé stesso. Saetta Rossa è un viaggio nel tempo, magistralmente illustrato dagli acquerelli del talentuoso Riccardo Atzeni, che porterà i lettori ad immedesimarsi nei protagonisti, in un futuro lontano in cui la libertà e l’accettazione delle differenze sono messi al primo posto… Ad impreziosire Saetta Rossa, un cofanetto in PVC che renderà ancora più esclusivo il volume. Long live the White Duke!

LEGGI ANCHE: ‘Stardust’, film su David Bowie tra arte e follia

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»