De Luca: “A Napoli caos per formiche, a Brescia muoiono bimbi e tutti zitti”

Vincenzo de luca
NAPOLI - "Sono morti 3 bambini all’ospedale di Brescia, non tre formiche, e non è successo niente. A Napoli basta
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

NAPOLI – “Sono morti 3 bambini all’ospedale di Brescia, non tre formiche, e non è successo niente. A Napoli basta un imbecille che fa una foto a una formica ed è la fine del mondo“. Questa la posizione espressa dal governatore della Campania, Vincenzo De Luca, che durante la visita a un cantiere di Nocera Superiore (Salerno) torna sul caso delle formiche all’ospedale San Giovanni Bosco di Napoli.

“Dobbiamo recuperare anni e anni di discredito che ci hanno lanciato addosso – attacca il presidente della giunta – ma queste cose non sono casuali. Se blocchiamo la mobilità passiva, ovvero la quantità di cittadini campani che vanno ad operarsi fuori regione, alcuni ospedali del Nord dovrebbero chiudere perché vivono con i 300 milioni che la Campania trasferisce al Nord. Il conflitto d’interesse c’è”.

Da De Luca arriva anche un appello al ministro della Salute, Giulia Grillo, a sbloccare “i fondi da 1,80 miliardi per l’edilizia sanitaria regionale”. Il governatore e commissario alla sanità campana da Nocera Superiore annuncia anche un investimento “da 25 milioni di euro per il polo oncologico di Pagani”, sempre nel salernitano.

“Noi – sottolinea – avremmo dovuto chiudere due Dea di secondo livello ad Avellino e Benevento sguarnendo le province e non lo abbiamo fatto. E adesso ci precisano che ci sono da tagliare altre 60 strutture complesse aperte negli anni passati per ragioni clientelari. Abbiamo fatto un miracolo e – dice alla platea – mi dovreste fare una statua. Ma adesso porta seccia (sfortuna, ndr), magari tra 200 o 300 anni…”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»