Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Arrestato il presidente della Sampdoria Massimo Ferrero

massimo ferrero presidente sampdoria
L'inchiesta riguarda il fallimento di quattro società del settore alberghiero, turistico e cinematografico in Calabria. Il club blucerchiato è estraneo ma Ferrero si è dimesso da presidente
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Con grande stupore si è appreso dell’odierna esecuzione di una misura cautelare di custodia in carcere a carico di Massimo Ferrero, richiesta da parte della Procura della Repubblica di Paola per vicende fallimentari relative a fatti di moltissimi anni fa e rispetto alle quali non sono di chiara ed immediata percezione le stesse esigenze cautelari alla base per l’evidente assenza di attualità, tanto più considerando che per tre delle quattro società calabre coinvolte vi era già stata allo scopo una transazione con le relative procedure già perfezionata e adempiuta”. Inizia così il comunicato con cui la Sampdoria commenta l’arresto del presidente blucerchiato, finito in manette in una operazione della Guardia di Finanza nell’ambito di un’inchiesta che riguarderebbe il fallimento di quattro società operanti nel settore alberghiero, turistico e cinematografico con sede in provincia di Cosenza, nel comune di Acquappesa.

IL MISTERO SU DOVE SI TROVI. L’AVVOCATO: “NON È A SAN VITTORE”

A quanto trapela, il crac delle aziende risalirebbe a quattro anni fa mentre il provvedimento emesso dal gip del Tribunale di Paola non coinvolge in alcun modo la Sampdoria. Ferrero è stato trasferito nel carcere di San Vittore a Milano, mentre sono stati disposti gli arresti domiciliari per altre cinque persone tra le quali la figlia Vanessa, un nipote e l’autista del numero uno blucerchiato. Ma l’avvocato Pina Tienga, legale del ‘Viperetta’, all’agenzia Dire smentisce che il suo assistito si trovi nel penitenziario meneghino. “Non so dove sia. Certamente non è al carcere di San Vittore. Mi hanno detto che non sta bene, ma purtroppo per ora non so altro”.

LEGGI ANCHE: Fenomenologia di Ferrero, “persona seria” che odia il ‘Viperetta’

Come tiene a sottolineare proprio il club, “tali vicende sono del tutto indipendenti tanto rispetto alla gestione e alla proprietà della Società U.C. Sampdoria quanto rispetto alle attività romane di Ferrero e legate al mondo del cinema, già oggetto di procedura avanti al Tribunale di Roma”.

LE DIMISSIONI DA PRESIDENTE DELLA SAMP

E “per tutelare al meglio gli interessi delle altre attività in cui opera, e in particolare isolare anche ogni pretestuosa speculazione di incidenza di un tanto rispetto all’U.C. Sampdoria e al mondo del calcio”, Ferrero ha avanzato l’intenzione di “formalizzare le dimissioni immediate dalle cariche sociali di cui sinora è stato titolare, mettendosi nel contempo a immediata e completa disposizione degli inquirenti, che verranno contattati dai suoi legali, gli avvocati Luca Ponti e Giuseppina Tenga, proprio per chiarire fin da subito la propria posizione ed evitare che, dalla del tutto inaspettata e presente situazione, possano derivare ulteriori pregiudizi a carico di realtà estranee, come l’U.C. Sampdoria, che ne sarebbero gratuitamente danneggiate”.

La nota della società ligure termina con l’auspicio “che tutto si possa risolvere in tempi brevissimi anche considerando che il Trust adottato in funzione delle procedure romane contemplava, a garanzia, anche l’accantonamento di somme proprio a tutela delle procedure di cui alla Procura di Paola”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»