Crolla una diga in Brasile: il fango tossico travolge le case, 17 morti e 40 dispersi – VIDEO

"Il numero degli scomparsi superera' le 40 unita', ma questa cifra non e' ancora ufficiale. La situazione e' drammatica" ha detto il comandante dei pompieri ripreso dalla stampa locale.
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

fango brasileLa rottura di una diga di un giacimento minerario, contenente acque reflue provenienti dall’estrazione del ferro, ha provocato una gigantesca colata di fango tossico che ha travolto diverse abitazioni nell’area di Mariana, nello Stato sud-orientale di Minas Gerais. Per il momento si contano 17 vittime e decine di feriti. “Il numero degli scomparsi superera’ le 40 unita’, ma questa cifra non e’ ancora ufficiale. La situazione e’ drammatica” ha detto il comandante dei pompieri ripreso dalla stampa locale. La rottura della diga- dove erano al lavoro 25 persone- ha liberato un’impressionante ondata di fango tossico e rifiuti minerari che si sono sparsi per una ventina di chilometri fra le citta’ di Ouro Preto e Mariana.

Ad essere colpita in particolare e’ stata la localita’ di Bento Rodrigues, appena 600 abitanti, per lo piu’ impiegati della compagnia Samarco, proprietaria della diga. La colata di fango tossico ha toccato anche un altro centro abitato, Paracatu de Baixo. Samarco, che produce circa 30 milioni di tonnellate di minerali di ferro l’anno- pari al 10% dell’intera produzione del Brasile- ha annunciato di aver profuso “tutti gli sforzi possibili per assistere le persone e minimizzare i danni all’ambiente“. Per il momento non circolano ipotesi sulle cause dell’incidente.   (DIRE-MISNA)

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»