Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Marcell Jacobs: “Non mi pongo limiti, lavorerò per togliere centesimi”

Marcell_Jacobs
L'intervista al doppio oro olimpico a Tokyo 2020, a margine del raduno degli atleti delle Fiamme Oro nel Salone d'Onore del Coni a Roma
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Non mi pongo più limiti. Non era la prima volta che potevo scendere sotto i 10 secondi. Ora andrò a lavorare per togliere centesimi importanti perché è un tempo (il 9″80 di Tokyo, ndr) fatto senza vento. Serve anche essere fortunati”. Così Marcell Jacobs, doppio oro olimpico a Tokyo 2020, a margine del raduno degli atleti delle Fiamme Oro nel Salone d’Onore del Coni a Roma. Riguardo al prossimo obiettivo, ha aggiunto: “Le due medaglie d’oro le ho sempre sognate da bambino. L’obiettivo ora è fare bene a Mondiali ed Europei per presentarsi al meglio alle prossime Olimpiadi. Non ho ancora realizzato quello che ho fatto: la sensazione è di aver vinto una gara importante e non una Olimpiade, ma questo è positivo perché così mi posso concentrare già sui prossimi obiettivi. Ora la stagione è finita e riprenderà a febbraio con le gare indoor: dopo Tokyo la cosa migliore è stata fermarsi perché ero scarico a livello mentale e fisico”. Jacobs ha infine ringraziato le Fiamme Oro: “Sono tutto per me, mi hanno dato la possibilità di diventare quello che sono”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»