Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Sport, al via tra due settimane in Emilia Romagna le Olimpiadi under 14

Più di 3.300 atleti, 320 gare, 45 diverse sportive, 35 federazioni e 10 discipline associate: manca poco alle 'Olimpiadi italiane under 14'
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Manca poco, ormai, alle ‘Olimpiadi’ italiane under 14, che per la prima volta si svolgeranno in Emilia-Romagna, dal 20 al 23 settembre. Si tratta, spiega la Regione, “della più grande manifestazione sportiva in Italia per questa categoria di ragazzi, che coinvolge oltre 3.300 atleti in 320 gare, relative a 45 diverse discipline sportive, con 35 federazioni e 10 discipline associate”.

Le competizioni del Trofeo Coni Kinder+Sport 2018 “toccheranno le province di Rimini, Ravenna e Forlì-Cesena, più San Marino”, e oltre agli atleti italiani “saranno presenti due delegazioni estere, dalla Svizzera e dal Canada”. Attesi anche “un migliaio di tecnici e circa 5.000 persone tra genitori, dirigenti e appassionati”.

Soddisfatto il presidente della Regione, Stefano Bonaccini, che si dice “particolarmente orgoglioso di ospitare in Emilia-Romagna un’altra importante iniziativa per lo sport e il territorio”. In particolare, prosegue, “queste ‘Olimpiadi’ giovanili del Coni ci permettono di dare spazio allo sport dei ragazzi, fatto di agonismo e, soprattutto, di sogni e speranze, oltre che magari di futuri campioni, e di ospitare anche famiglie e amici provenienti da tutta Italia e dall’estero, valorizzando l’attrattività del territorio”.

Tra l’altro, conclude Bonaccini, la Regione “ha investito molto, in questa legislatura, sullo sport e sullo sport per i giovani, come dimostrano i 35 milioni di euro destinati all’impiantistica che rendono possibile, in 120 Comuni da Piacenza a Rimini, una grande operazione di ristrutturazione o costruzione di campi da gioco, palestre, piscine e impianti per tutte le discipline”.

Da parte sua, l’assessore al Turismo, Andrea Corsini, sottolinea che lo sport “è diventato un asset fondamentale del turismo dell’Emilia-Romagna, e ha un ruolo importante anche nei dati positivi di presenze turistiche di quest’anno, che diffonderemo a breve”. In Romagna, dettaglia l’assessore, “tra agosto e settembre si stima infatti che i grandi eventi sportivi possano generare 400.000 presenze turistiche, di cui 35.000 solo dal Torneo Coni”.

Secondo Corsini, dunque, lo sport “può essere un volano per aumentare la competitività dei servizi”, motivo per cui “Davide Cassani, nominato recentemente direttore di Apt, sta predisponendo una ‘Business Unit’ dedicata allo sport, che porterà in regione eventi di una certa rilevanza”.

Soddisfatto anche il presidente del Coni regionale, Umberto Suprani, che evidenzia il fatto che “a due settimane dall’evento tutto è ormai pronto” e coglie l’occasione per “ringraziare le istituzioni, i nostri partner e soprattutto tutti i volontari per la preziosa collaborazione”. Per quanto riguarda l’Emilia-Romagna, infine, saranno “207 i ragazzi della regione che parteciperanno al Trofeo Coni in 45 discipline”, fa sapere Stefano Galetti, delegato del Coni Point di Bologna, aggiungendo che “gli accompagnatori saranno 49, per una delegazione di 256 persone”.

Nel dettaglio, “la provincia più rappresentata sarà Bologna con 45 atleti, seguita da Modena con 31, Reggio Emilia con 28, Parma con 26, Rimini con 25, Forlì-Cesena con 15, Ferrara con 14, Ravenna con 13 e Piacenza con 10”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»