‘Too Good At Goodbyes’ è il nuovo singolo ‘di Sam Smith

E' stato lo stesso cantante londinese ad annunciare su Facebook l'arrivo del nuovo singolo il prossimo 8 settembre
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Sam Smith torna sulla scena musicale. E’ stato lo stesso cantante londinese ad annunciare su Facebook l’arrivo del nuovo singolo il prossimo 8 settembre: “Too Good At Goodbyes’. 8th September 2017. So excited for you to hear the new single… http://samsmith.world/presave ? you all xx”.

Sam Smith, esordio esplosivo con tanto di Oscar

Il brano anticipa così il nuovo album, il secondo, atteso dai fan da ben tre anni dopo “In the lonely hour” del 2014. Smith, classe 1992, è uno degli artisti più promettenti della sua generazione. Con il primo disco ha raccolto milioni di consensi conquistando non solo i fan ma anche la critica.

L’ep dell’esordio gli è valso subito quattro Grammy Awards tra i quali quello per la canzone dell’anno, “Stay with me”e quello per il miglior artista emergente. Una presentazione esplosiva, quella di Smith, che lo ha portato anche alla conquista dell’Oscar per la ‘migliore canzone originale’ grazie alla composizione del brano “Writing’s on the Wall”, contenuto nel 24esimo film di James Bond “Spectre”.

Dopo ‘Too Good At Goodbyes’, nuovo album in arrivo

Ma le buone notizie non finiscono qui. In attesa di ascoltare ‘Too Good At Goodbyes’, Sam Smith ha pubblicato su Instagram anche l’annuncio del nuovo album.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»