A Firenze arriva l’abito sospeso, per i bimbi delle madri in difficoltà

firenze abito sospeso
L'impresa sociale Flo Concept permette di acquistare capi a prezzo di costo che vengono poi realizzati e donati all'associazione Acisjf, che sostiene le categorie fragili
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

FIRENZE – Comprare un capo d’abbigliamento per bambini e donarlo a chi non può permetterselo. A Firenze nasce “L’abito sospeso”, iniziativa lanciata dall’impresa sociale ‘Flo Concept’ che prende spunto da un’antica tradizione partenopea, “il caffè sospeso”: un gesto di solidarietà a beneficio di uno sconosciuto.

Al posto del caffè, stavolta c’è un abito o un accessorio per bambini: “I clienti che vengono nel nostro negozio- spiega Elisabetta Renzoni, presidente dell’impresa sociale Flo Concept- possono acquistare, attraverso un catalogo, un articolo della nostra collezione ‘del Cuore’ dedicata ai più piccoli. L’acquisto avviene sotto forma di donazione, a prezzo di costo. Il capo viene poi realizzato nel nostro laboratorio di sartoria e donato ad Acisjf Firenze, associazione che da oltre un secolo sostiene le categorie fragili della città, in particolare giovani madri. Abbiamo scelto l’associazione insieme all’assessore al Welfare del Comune di Firenze, Sara Funaro, che ha accolto con entusiasmo l’iniziativa”. L’impresa sociale Flo Concept “scende in campo al fianco dei bambini e tende la mano alle madri in difficoltà dell’associazione Acisjf Firenze, confermandosi una realtà con un grande cuore solidale”, commenta Funaro. Si tratta di “un bell’esempio dei valori che sono alla base della nostra comunità”.

LEGGI ANCHE: Nardella: “Per Firenze vedo la luce in fondo al tunnel”

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»