Scuola. Boda (Miur): “Canto corale per inserimento ragazzi in difficoltà”

"Lapiazzaincantata" vedrà la sua manifestazione finale il prossimo 9 aprile nel capoluogo campano, a Piazza del Plebiscito
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Napoli_piazza_plebiscitoROMA – “Non vediamo l’ora di essere sabato a Napoli per vedere tutti i cori che verranno dall’Italia e dagli altri stati che verranno. Si sono preparati per mesi, e quindi non vediamo l’ora di poter cantare tutti insieme e di dare un nome ad ogni scuola, ragazzo e insegnante che ha preparato questo lavoro” è la dichiarazione di Giovanna Boda, Direttore generale della Direzione per lo Studente, l’Integrazione, la Partecipazione e la Comunicazione del Miur in prima linea nel progetto “Lapiazzaincantata” che vedrà la sua manifestazione finale il prossimo 9 aprile nel capoluogo campano, a Piazza del Plebiscito, con l’esibizione di 362 cori polifonici da scuole di 17 regioni d’Italia. Boda ha parlato all’agenzia Dire a margine della conferenza stampa di presentazione del concerto, svoltasi oggi a Roma nella sede della Federazione Nazionale della Stampa Italiana. “Lapiazzaincantata”, di cui il concerto è solo una parte, è “un esempio e uno strumento fondamentale ed educativo per inserire i ragazzi che hanno più difficoltà” ha spiegato Boda, il cui intento, rispetto al progetto, è anche di valutarlo insieme a tutti i suoi attori “per migliorarlo nei prossimi anni”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»