Roma, Atac: +25% multe (5 al giorno per controllore), ora lo spot con Pannofino

ROMA - Sanzioni in aumento del 25%
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print


ROMA – Sanzioni in aumento del 25% nel 2016 con una media di cinque multe al giorno per ogni agente accertatore. Ed una task force antievsione di 150 risorse in più da gennaio 2017. Queste le novità annunciate dall’amministratore unico di Atac, Manuel Fantasia, nel corso di una conferenza stampa convocata alla presenza del sindaco di Roma, Virginia Raggi, proprio per fare il punto della situazione sulla lotta all’evasione.

Atac, dunque, punta tutto sulla lotta ai furbetti che non pagano il biglietto a bordo dei mezzi. E per questo a breve sarà trasmesso sui circuiti del tpl romano (monitor di bordo, schermi nelle stazioni metro e canali web), uno spot con protagonista Francesco Pannofino dal titolo “Non farti riconoscere, paga il biglietto”.

Oltre alla battaglia culturale, però, l’azienda sta intensificando la lotta sul campo. Nel 2016 sono state controllate 111.740 vetture. L’aumento delle multe è ancora più elevato se si confronta il 2016 con il 2014, con un incremento del 72%. I passeggeri controllati sono stati 2,1 milioni con 126.000 sanzioni, di cui 24.918 pagate entro 5 giorni per un incasso di 1,3 milioni. Nel primo bimestre 2017 si regista un ulteriore +14% di passeggeri controllati (da 368.169 a 418.895) con una media di otto multe per agente a fronte delle 5 dello stesso periodo del 2016. Le multe sono aumentate così del 11% rispetto allo stesso bimestre del 2016.

I dati presentati sono stati definiti da Fantasia “assolutamente positivi e che confermano un trend in aumento anche nel 2017. Una rondine non fa primavera, ma questo è solo l’inizio”.

Raggi dal canto suo ha fatto un appello “a tutti i lavoratori Atac di aderire al progetto di aumentare i verificatori sui mezzi” mentre sul nuovo spot ha aggiunto: “È efficace perché punta sulla riprovazione sociale. Contro l’evasione serve un percorso di crescita culturale. E il primo disappunto deve venire dai cittadini”.

Meleo ha infine ricordato i progressi di Atac. “Quando sono arrivata e ho visto i primi dati del servizio di Atac sono rimasta enormemente sorpresa- ha detto- C’erano mattine con anche 300 autobus in meno che uscivano dai depositi. Ho trovato un’azienda senza programmazione e prospettive a lungo periodo. Noi abbiamo però sbloccato l’arrivo di nuovi autobus e altri ne arrivernanno con i fondi per il Giubileo. Ce la stiamo mettendo tutta per rilanciare azienda. Ma serve anche il contributo dei cittadini. L’evasione è un  problema enorme e tutti i cittadini devono pagare il biglietto”.

Leggi anche: Raggi: “Gli autisti dell’Atac sono veri eroi”

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»