Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Raggi: “Gli autisti dell’Atac sono veri eroi”

"Spesso sono costretti a lavorare in condizioni difficili e vengono anche malmenati come se fossero responsabili per un servizio che non funziona bene"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

virginia raggiROMA  – “Gli autisti dell’Atac, che spesso sono costretti a lavorare in condizioni difficili e vengono anche malmenati come se fossero responsabili per un servizio che purtroppo non funziona bene, per me sono veramente degli eroi. La cronaca è piena di questi casi”. Lo ha detto il candidato sindaco di Roma del Movimento Cinque Stelle, Virginia Raggi, intervenendo ai microfoni di Radio Città Futura, rispondendo a una domanda sul licenziamento di un dipendente Cotral sorpreso in un maneggio nel corso del turno di lavoro.

“Avere colleghi che gettano discredito sui quelli che fanno il loro lavoro con coscienza non è giusto. La legge parla chiaro: se si inizia un turno e si timbra il cartellino si deve fare il servizio. Magari, però, si timbrasse il cartellino tutti: purtroppo abbiamo pochi esempi che gettano discredito su tutta la categoria“. E su Atac: “E’ di questi giorni la notizia che Atac affidava consulenze esterne inutili, mi pare, per oltre due milioni di euro completamente inutili. Noi- ha concluso Raggi- dobbiamo tagliare questi sprechi per riorganizzare e investire nella mobilità”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»