Conte: “Preoccupati ma vigili, garantiremo la sicurezza dei nostri soldati”

Il premier Conte fa il punto sulla situazione in Medio Oriente
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “La nostra attenzione deve essere concentrata a evitare un’ulteriore escalation, che rischierebbe di superare un punto di non ritorno”. A dirlo il premier Giuseppe Conte, intervistato da Repubblica, in relazione alla crisi irachena dopo l’assassinio di Qassam Solemaini.

Conte osserva che “e’ prioritario promuovere un’azione europea forte e coesa per richiamare tutti a moderazione e responsabilita’, pur nella comprensione delle esigenze di sicurezza dei nostri alleati”.

“Siamo preoccupati ma soprattutto vigili- aggiunge Conte- Stiamo facendo e faremo il possibile per garantire la sicurezza” dei nostri militari italiani nell’area mediorentale “in raccordo con alleati e partner”. “Le nostre truppe sono nella regione per svolgere una funzione essenziale di sostegno alle autorita’ locali nel contrasto al terrorismo e alla violenza, e questa – rimarca – e’ un’attivita’ di cui rivendichiamo non solo la concretezza ed efficacia ma anche la piena linearita’ e coerenza con i nostri valori”.

L’omicidio di Soleimani, continua il premier, rientra tra le vicende “delicate e complesse che per essere valutate a pieno, richiedono anche informazioni di intelligence decisive per pesare tutti gli elementi”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

6 Gennaio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»