Alternanza, martedì protocollo tra Miur e filiera mondo libro

ROMA - Sara' firmato martedi' 9 gennaio il Protocollo d'intesa per l'Alternanza scuola-lavoro tra il ministero dell'Istruzione, dell'Universita' e della
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Sara’ firmato martedi’ 9 gennaio il Protocollo d’intesa per l’Alternanza scuola-lavoro tra il ministero dell’Istruzione, dell’Universita’ e della Ricerca e i principali rappresentanti della filiera del mondo del libro. La firma sara’ apposta alle 13.15 nel salone dei Ministri della sede del Miur alla presenza della ministra Valeria Fedeli e dei presidenti delle tre associazioni promotrici del progetto, Ricardo Franco Levi (Aie), Paolo Ambrosini (Ali Confcommercio) e Rosa Maiello (Aib). L’incontro e’ aperto alla stampa.

‘Libri Fuori-Classe’ e’ il progetto ideato e proposto dall’Associazione italiana editori (Aie) insieme all’Associazione librai italiani (Ali Confcommercio) e all’Associazione italiana biblioteche (Aib), con il patrocinio del Centro per il libro e la lettura. L’iniziativa nasce con l’obiettivo di supportare le scuole e gli operatori del settore, mettendo a disposizione strumenti semplici e innovativi, utili per attivare processi di Alternanza scuola-lavoro che permettano alle ragazze e ai ragazzi di conoscere il mondo del libro e di prepararsi per una esperienza di lavoro in casa editrice, in libreria o in biblioteca.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»