In Kosovo i militari italiani Kfor donano dpi alla clinica di Pristina

Il team ha fornito una serie di interventi a favore dei colleghi dei maggiori ospedali del Kosovo
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – Il team medico militare interforze che opera in Kosovo a favore delle istituzioni sanitarie locali ha organizzato la donazione alla Clinica malattie infettive di Pristina di un importante quantitativo di maschere, tute e visiere facciali protettive. Così in una nota stampa la missione NATO. L’iniziativa del team costituito da medici e infermieri di tutte le Forze Armate, che opera dallo scorso settembre in Kosovo nel quadro di una partnership nazionale Difesa-Esteri a sostegno della risposta locale al Covid-19, e’ stata finalizzata dagli artiglieri del V reggimento ‘Superga’ di Portogruaro, che costituiscono il Comando Regionale Ovest della missione NATO KFOR. “Il team- ha spiegato il Maggiore Cristian Benegiamo, a capo del team interforze- ha fornito una serie di interventi a favore dei colleghi dei maggiori ospedali del Kosovo, condividendo le esperienze accumulate durante le prime fasi della pandemi in Italia attraverso attivita’ di consulenza e formazione, che hanno visto anche l’organizzazione di due webinar cui hanno partecipato decine di specialisti italiani e kosovari”.

La missione KFOR sta facilitando l’assistenza nel contrastare la pandemia in Kosovo prestata da nazioni alleate e partner della NATO, tra cui spicca l’Italia, che ha fornito tra l’altro un team dell’Esercito che ha bonificato decine di strutture pubbliche. Ha dichiarato il Colonnello Gianluca Figus, a capo del Comando Regionale Ovest della missione NATO KFOR: “Sin dall’inizio della pandemia i militari italiani di KFOR hanno continuato a contribuire alla sicurezza in Kosovo adottando tutte le misure di protezione previste. Al tempo stesso sono state condotte numerose attivita’ mirate al contenimento del virus, come la sanificazione di diverse scuole“, sottolineando come “la donazione di oggi e’ il modo migliore per celebrare il Giorno dell’Unita’ Nazionale e la Giornata delle Forze Armate, attraverso un gesto concreto e utile di solidarieta’ da parte dei militari italiani nei confronti delle comunita’ del Kosovo“.

L’Ambasciatore d’Italia in Kosovo Nicola Orlando e il Comandante della missione NATO KFOR, Generale di Divisione Michele Risi, hanno partecipato alla cerimonia solenne dell’alzabandiera, in presenza dei militari di Esercito, Marina, Aeronautica ed Arma dei Carabinieri che prestano servizio a Pristina.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

5 Novembre 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»