Dall’Unione europea 2,7 milioni di euro per sminare i terreni in Colombia

ROMA - L'Unione europea fornirà 2,7 milioni alla Colombia
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

mineROMA – L’Unione europea fornirà 2,7 milioni alla Colombia per sviluppare il programma di sminamento in tre regioni.

Ana Paula Zacarias, ambasciatore Ue in Colombia ha sottolineato l’importanza del progetto: “Per noi è importante sostenere una politica globale a copertura di una vasta gamma di interventi di assistenza alle vittime delle mine”.

L’ambasciatrice ha ricordato che l’azione contro gli ordigni rudimentali è una strategia che aiuta la costruzione della pace nel paese.

Il contributo stanziato oggi si aggiunge ai quattro milioni di euro che l’Unione europea ha già versato per lo sviluppo del progetto pilota di sminamento umanitario concordato tra il governo e le Farc. La Colombia infatti già ha ricevuto il sostegno da parte dell’UE nella lotta contro le mine attraverso il rafforzamento della direzione di azione globale contro gli esplosivi anti uomo, lo sminamento umanitario, l’istruzione e l’assistenza integrale alle vittime degli ordigni.

Il nuovo stanziamento da parte dell’Ue sarà destinato ai dipartimenti di Antioquia, Meta e Cauca dato che il consulente per il post-conflitto, Rafael Pardo, ha recentemente affermato le priorità di lista dei comuni da cui iniziare l’opera di sminamento. Il nuovo programma formerà anche cento persone nei dipartimenti per creare otto squadre operative con cani specializzati nell’individuare esplosivo.

LE VITTIME DELLE MINE

Lo sminamento è un processo ritenuto estremamente importante dopo la firma degli accordi di pace tra il governo e le Farc. Si stima infatti che le mine antiuomo nascoste nei campi da parte dei gruppi armati in Colombia hanno provocato solo negli ultimi venti anni, secondo i dati ufficiali, almeno 11.408 morti. Tutti i paesi, Italia compresa e in prima fila, sono impegnati nel fornire la professionalità necessaria ai colombiani per bonificare le migliaia di ettari di terra infestati dalle mine piazzate dalla guerriglia in cinquant’anni di conflitto.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»