VIDEO | Psicologi-farmacisti in piazza a Bologna: “Non siamo camici di serie b”

Chiedono di ottenere l'abilitazione alla professione senza passare per l'esame di Stato, come è stato deciso per medici e infermieri
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

BOLOGNA – Anche a Bologna gli aspiranti psicologi, farmacisti e biologi protestano per chiedere di ottenere l’abilitazione alla professione senza passare per l’esame di Stato, come medici e infermieri. Lo hanno fatto stamattina con un flash mob in piazza Maggiore, davanti all’ingresso del Comune: distanziati e con mascherina, molti in camice bianco, esponendo cartelli o i manuali da studiare per l’esame. “Non siamo camici di serie B“, si legge sui cartelli portati in piazza dai manifestanti, oppure “Pari dignità alla professioni sanitarie” o ancora “Due lauree e più di 1.000 ore di tirocinio non retribuito bastano ad abilitare uno psicologo”. E poi, la richiesta “Abilitazione, abilitazione” scandita in coro. “Siamo psicologi, farmacisti e biologi candidati all’imminente esame di Stato per l’abilitazione alla professione. Siamo qui in quanto non ci sentiamo tutelati dalle istituzioni che dovrebbero rappresentarci, prima tra tutte il ministero dell’Università e della Ricerca”, spiega Dafne Pisano, psicologa, leggendo al megafono la lettera diffusa a livello nazionale per motivare la mobilitazione, nata da più gruppi Facebook.

“Durante l’emergenza Covid-19 il comparto sanità, al quale apparteniamo- continua la lettera- ha ottemperato egregiamente al proprio dovere”. Per far fronte alle “falle del sistema sanitario, il ministero ha deciso di rendere abilitante la laurea in Medicina e Infermieristica senza la necessità di sostenere un esame di Stato”.

Durante questo periodo “non sono stati solo medici e infermieri che hanno svolto il loro servizio egregiamente, pagando un tributo personale in termini di vite umane, ma anche farmacisti, psicologi e biologi hanno ottemperato al proprio dovere professionale– sottolineano i laureati in queste discipline- non lesinando di sacrificare la propria salute e anche la vita” per fermare il coronavirus. In altre parole, “crediamo che tutto il comparto afferente alla sanità abbia dimostrato una responsabilità individuale che è diventata sistemica- è il messaggio diffuso dal flash mob- in grado poi di abbracciare una più grande complessità, prendendo in considerazione non solo la propria figura come membro a sè stante ma inserendola in un team, in una squadra che è diventata vincente”.

Il farmacista “ha avuto una valenza sociale ascoltando, tranquillizzando e indirizzando alle strutture competenti. Lo psicologo- continua la lettera- è stato chiamato ad assumere un ruolo essenziale nel recupero psicologico post traumatico. Il biologo non ha smesso un attimo di contribuire con celerità alla diagnostica”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

5 Giugno 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»