Spiagge, per controllare i bagnanti si useranno anche i droni

Il controllo del distanziamento in acqua potrebbe essere fatto con i droni: già diversi Comuni ci stanno ragionando, dalla Liguria alla Toscana passando per Fiumicino
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA –  Saranno utilizzati anche i droni sulle coste italiane per controllare il rispetto delle distanze tra i bagnanti per l’emergenza Covid-19. Diversi comuni hanno già annunciato che intendono impiegarli, tramite le rispettive Polizie locali, per monitorare soprattutto le spiagge libere, ad esempio a Genova, Pisa, Cecina (Livorno), Fiumicino (Roma), Agropoli (Salerno) e ancora in altre località. Ma per questo serviranno norme specifiche, perchè un utilizzo di questo tipo necessita di una deroga alle norme nazionali che impediscono, da giugno a settembre, il sorvolo di droni a meno di 100 metri dalla linea di costa, verso il mare e verso l’entroterra. Proprio di questo si parlerà nel prossimo appuntamento di ‘Roma Drone Webinar Channel‘ (Rdwc), il nuovo canale in live streaming dedicato a normativa, tecnologia e business dei droni.

LEGGI ANCHE: Vacanze al mare, le regole per l’estate 2020: dalla spiaggia prenotata al divieto di feste. E a distanza pure in acqua

La seconda puntata, sul tema ‘Droni sulle città. Il boom della sorveglianza urbana con Sistemi Aeromobili a Pilotaggio Remoto (Sapr) per l’emergenza Covid-19’, si svolgerà martedì 9 giugno (dalle ore 16) in diretta streaming sulla pagina Facebook di Roma Drone, @romadrone. Interverranno dirigenti della Polizia di Stato e di Polizie locali, operatori professionali, associazioni di volontariato ed esperti nel settore dei droni.

 

Durante i mesi di lockdown per la pandemia, l’uso di droni per il controllo delle aree urbane è stato molto diffuso, addirittura con l’impiego di termocamere per la misura delle temperature e di altoparlanti per la diffusione di messaggi alla popolazione. Un boom che ha costretto i vertici della Polizia ad intervenire per chiedere una regolamentazione adeguata.

Lo stesso ministero dei Trasporti ha invitato l’Ente nazionale per l’Aviazione civile (Enac) ad istituire un Regolamento dedicato per l’utilizzo dei droni in attività di emergenza.

LEGGI ANCHE: Spiagge, hotel, musei: ecco il braccialetto che suona se sei troppo vicino

“L’arrivo dell’estate e l’esigenza di verificare il rispetto del distanziamento sociale anche sulle spiagge e nelle località di villeggiatura sta riportando l’attenzione sull’impiego dei droni- conferma Luciano Castro, direttore di Rdwc-. I droni sono strumenti che possono rivelarsi molto utili anche per queste attività. E’ però davvero necessario stabilire norme specifiche, per evitare abusi, per scongiurare interferenze con le attività di volo delle forze dell’ordine e anche per garantire operazioni nella massima sicurezza e nel rispetto della privacy”.

Il canale Rdwc è promosso da ‘Roma Drone Conference’, il maggiore evento italiano dedicato alla drone community italiana, giunto alla 7a edizione e organizzato dall’associazione Ifimedia e da Mediarkè srl, in collaborazione con l’Enac, l’Università Europea di Roma e l’associazione Aopa Italia – Divisione Apr.

La partecipazione a Rdwc è gratuita: il pubblico in collegamento potrà commentare o porre domande via Facebook, che saranno girate agli ospiti. La prima puntata del 26 maggio scorso ha avuto oltre 1.400 visualizzazioni durante la diretta, che ad oggi sono arrivate quasi a 3mila. Sponsor dell’iniziativa sono Aerovision, Cabi Broker, Dji – Authorized Retail Store, Dronisport.it e ReD Tech. Media partner ufficiali sono invece Dronezine, Quadricottero News e Drone Channel Tv. Il supporto tecnico per la regia e la diretta streaming è a cura di Meway. Ulteriori informazioni su www.romadrone.it.

LEGGI ANCHE: App e controlli in quad: ecco il piano anti-Covid di Roma per le spiagge libere

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

5 Giugno 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»