hamburger menu

Torre Colimena, storia e mare di Salento /FOTOGALLERY

L'antica edificazione fa parte del comune di Manduria in provincia di Taranto

Pubblicato:05-06-2017 10:22
Ultimo aggiornamento:17-12-2020 11:18
Canale: Puglia
Autore:
FacebookTwitterLinkedInWhatsAppEmail

ROMA – Torre Colimena, nel comune di Manduria (Taranto), è una delle centinaia di torri d’avvistamento che punteggiano ininterrottamente il territorio pugliese, dal Gargano al Salento.

Si tratta di costruzioni che testimoniano una lunga e drammatica storia, vissuta per secoli dalle popolazioni delle coste meridionali italiane, per le quali il mare era contemporaneamente fonte di vita e morte.

La morte arrivava spesso dalle incursioni dei pirati provenienti dalle coste dell’Europa orientale. Celebre fu il massacro degli abitanti di Otranto del 1480 a opera dei Turchi. Da allora, soprattutto a partire dal regno di Carlo V (1516-1556), e per i due secoli successivi, l’ormai obsoleto sistema difensivo delle torri costiere fu rinnovato e reso più consistente per fare fronte alle nuove armi da fuoco.

Torre Colimena fu edificata nel XVI secolo, e come tutte le altre torri costiere del Salento, “dialoga” con due “sorelle” poste a qualche chilometro di distanza: all’epoca degli attacchi ottomani la comunicazione avveniva attraverso segnali luminosi.

Intorno, il meraviglioso Salento, terra di vento, miraggi e dolcezza.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

2020-12-17T11:18:22+02:00