hamburger menu

Europa, Caveri (Vda): “Più impulso politico alla strategia Eusalp”

L'assessore regionale agli Affari europei: "Arginare subito la crisi demografica per la sopravvivenza dei territori alpini"

luciano caveri

AOSTA – “Occorre dare un maggiore impulso politico alla strategia Eusalp” per “rafforzare la solidarietà tra le aree del sistema alpino”, caratterizzate “da problematiche molto simili” come “la crisi demografica, che deve essere arginata nel più breve tempo per poter garantire la sopravvivenza e lo sviluppo di questi territori”. Lo ha detto l’assessore agli Affari europei della Regione Valle d’Aosta Luciano Caveri, intervenuto alla Conferenza digitale alpina (Dac), che si è tenuta il 3 e 4 maggio a Trieste, per discutere del potenziale della digitalizzazione nel rafforzamento dei legami di cooperazione e nello sviluppo della macroregione alpina.

Eusalp (Eu strategy for the alpine region) è infatti la macro-strategia nata dall’accordo siglato nel 2013 da alcuni Paesi dell’Unione Europea (Italia, Francia, Germania, Austria e Slovenia) e da due stati extra europei (Svizzera e Liechtenstein) per incoraggiare lo scambio di buone pratiche la nascita di progetti di cooperazione tra le 48 regioni e province autonome che si trovano attorno alla catena alpina. A questo proposito, per l’assessore Caveri, “la digitalizzazione e la connettività, realizzate anche attraverso l’utilizzo dei diversi fondi europei, risultano tra gli strumenti più adeguati per far fronte e risolvere le problematiche alpine”.

E aggiunge: “La digitalizzazione aiuta a superare gli handicap naturali delle zone montane e rurali, a sviluppare nuovi modelli di sviluppo e a rafforzare la resilienza dei villaggi montani e rurali. Diventa, quindi, di estrema importanza garantire l’accesso, e parallelamente, fornire contenuti adeguati a tutti, in primo luogo in termini linguistici al fine di rafforzare il collegamento e la cooperazione tra i territori”.

FacebookTwitterLinkedInWhatsAppEmail

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

2022-05-05T17:23:21+02:00