Scuola, un’area dedicata sul sito IdO per un nuovo approccio pedagogico

Banner Area Scuola IdO SIP
Nell'ambito del progetto 'Scuole in rete per l'inclusione' con Sip
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – È online sul sito ortofonologia.it un’area dedicata alla scuola per dare il via a un nuovo approccio educativo e pedagogico. Uno spazio realizzato all’interno del progetto ‘Scuole in rete per l’inclusione‘, promossa dall’Istituto di Ortofonologia (IdO) in collaborazione con la Società Italiana di Pediatria (SIP). “Proponiamo un approccio psicopedagogico ai bambino di oggi che si traduca in un Modello Dinamico Relazionale, per consentire agli insegnanti dei diversi livelli d’istruzione e agli educatori dei nidi di comprendere le loro traiettorie evolutive e favorire così una crescita migliore”. Lo ribadisce con forza Federico Bianchi di Castelbianco, direttore dell’IdO, chiedendo che i “notevoli cambiamenti che osserviamo nei bambini e negli adolescenti di oggi non si trasformino in un eccesso di medicalizzazione”.

L’IdO ha una visione a 360 gradi sul mondo dell’infanzia e dell’adolescenza, collaborando con circa 900 scuole su tutto il territorio nazionale. Vista la grande richiesta, decine di migliaia, “ricevuta dai partecipanti alle nostre ultime iniziative formative, nonché dal corpo docente– prosegue il direttore dell’IdO- avviamo un progetto di collaborazione tra le scuole, che si chiama ‘Scuole in rete per l’inclusione’, per sostenere il ruolo inclusivo della scuola e dei docenti in relazione ai cambiamenti che hanno coinvolto l’età evolutiva e in particolare i minori con Bisogni educativi speciali (Bes), Disturbi di apprendimento (Dsa) e disabilità di diverso tipo”.

Sarà una rete rivolta a quelle scuole che vogliono usufruire di continue possibilità di formazione, approfondimento e supporto nei contesti educativi e che si attiveranno per condividere proposte operative, modalità e interventi legati ai processi inclusivi attivati nei diversi livelli d’istruzione. Tra gli obiettivi del progetto ‘Scuole in rete per l’inclusione‘ il principale è la valorizzazione delle competenze pedagogiche degli insegnanti, volte a migliorare i processi di inclusione, evitare la dispersione scolastica e la medicalizzazione dei minori.

Le scuole che aderiranno alla rete potranno usufruire di una serie di servizi gratuiti forniti in una sezione online apposita (‘Area Scuola‘ su ortofonologia.it) per accedere gratuitamente ai corsi di formazione online, ai laboratori esperienziali (arte, psicomotricità, teatro, giornalismo, gioco, ecc.) per i diversi livelli d’istruzione, e avere il materiale online gratuito di approfondimento aggiornato. Sarà offerta una consulenza via e-mail agli insegnanti per favorire l’inclusione a scuola, fornita da un’équipe multispecialistica (pediatra, NPI, psicologo, logopedista, psicomotricista, educatore professionale) attraverso l’email [email protected], ma non solo. Tra i servizi c’è anche la consulenza per PDP e PEI; lo sportello d’ascolto online per gli studenti; lo sportello d’ascolto online per gli insegnanti; lo sportello d’ascolto online per i genitori; i video tutorial psicopedagogici che forniranno spunti operativi per la scuola dell’infanzia e primaria; l’invio di libri gratuiti e schede osservative (scheda osservativa 0-2 anni per i nidi; scheda osservativa per la plusdotazione GATES-2; scheda prerequisiti degli apprendimenti; schede di osservazione per gli apprendimenti riservate alla scuola primaria, questionari e analisi dei bisogni per preadolescenza e adolescenza, ecc.).

L’Area Scuola sarà una “piattaforma” costantemente aggiornata e disponibile, sotto la supervisione e la consulenza da parte di un’équipe multidisciplinare (dal docente allo psicologo e al pediatra, ecc.). Inoltre si attiverà uno spazio per lo scambio di esperienze e buone pratiche, così da promuovere un confronto di percorsi inclusivi attivati nei diversi livelli d’istruzione. Ciò consentirà di valorizzare le competenze pedagogiche degli insegnanti, di proporre attività che rispondano alle richieste e ai bisogni segnalati dagli insegnanti stessi e di creare proposte educative nuove nate da tale scambio tra docenti e scuole.

Le proposte e le esperienze realizzate nelle scuole e dagli insegnanti nell’ambito del progetto ‘Scuole in rete per l’inclusione’ saranno, infine, presentate a ottobre 2021, nell’ambito di un Evento pubblico, ma verranno anche raccolte in un libro. Un testo che ha lo scopo di fornire strumenti osservativi e spunti operativi, volti all’individuazione, alla valutazione e alle modalità di intervento rivolte ai minori nel contesto scolastico.

“Si attiverà, in ultimo, una riflessione sulle possibilità che le scuole possono offrire durante l’eventuale apertura estiva, affinché la scuola non sia solo centrata sulla didattica, ma su tutte le possibilità educativo/esperienziali che coinvolgono i minori di tutte le fasce d’età”, conclude Castelbianco.

Tutte le informazioni saranno reperibili su www.ortofonologia.it.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»