Niente teatro col coronavirus? Il Fantateatro lo mette su Youtube per i bimbi

Con i teatri chiusi, l'associazione ha deciso di pubblicare sul canale Youtube alcuni spettacoli integrali: uno alle 16 e uno alle 21
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

BOLOGNA – Bambini a casa da scuola? Una soluzione potrebbe essere il teatro che, a Bologna, non si ferma nemmeno davanti al coronavirus e diventa virtuale, o meglio, va in scena su YouTube. Si tratta dell’iniziativa di Fantateatro a Bologna che, da oggi fino a domenica, trasmetterà online due spettacoli, uno alle 16 per i più piccoli e uno alle 21, adatto a tutti.

“Speriamo così di non smettere di regalare la magia del teatro ai bimbi che sono a casa da scuola. Grazie alla rete, Fantateatro può arrivare a tutte le famiglie, perciò vi aspettiamo online”, dice Sandra Bertuzzi, presidente di Fantateatro. Gli spettacoli sono visibili sul canale youtube dell’associazione.

LEGGI ANCHE: Scuole chiuse per coronavirus? Psichiatri: “Attenti ad ansia bambini e all’overdose social per adolescenti”

Dopo i primi due spettacoli di ieri (‘La spada nella roccia’ e ‘Arlecchino, servitore di due padroni’), oggi è toccato a ‘Peter Pan’ e al ‘Il fantasma di Canterville’. Domani alle 16 andrà in onda ‘Il libro della giungla’, mentre alle 21 è il turno di ‘Sogno di una notte di mezza estate’. Sabato pomeriggio è atteso lo spettacolo “epico e comico al tempo stesso” di ‘Robin Hood’, mentre alla sera ci sarà ‘Il malato immaginario’.

Domenica, per tutta la giornata a partire dalle 11 sarà disponibile online ‘Cappuccetto Rosso’. Lo spettacolo è stato realizzato e registrato per l’occasione al teatro Dehon di Bologna che ha concesso la sala gratuitamente, “gesto non scontato data la situazione in cui versano le realtà culturali in questo momento”, precisa Fantateatro.

LEGGI ANCHE: Coronavirus, ecco il vademecum per spiegarlo ai bambini

Che cosa è Fantateatro:

 

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

5 Marzo 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»