Your monthly usage limit has been reached. Please upgrade your Subscription Plan.

Italia
°C

Islam, Merola: “Moschea va fatta, tema sul tappeto”

Un tema, quello della moschea, che il presidente della comunità islamica di Bologna si è raccomandato di tenere fuori dalla campagna elettorale
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

merola

BOLOGNA – Il tema della moschea “c’è ed è sul tappeto”. Anche a Bologna, “come in tutte le città italiane degne di questo nome, si dovrà costruire prima o poi”. A dirlo è il sindaco di Bologna, Virginio Merola, che questa mattina a margine di un’iniziativa al Pilastro torna sulla questione dopo il convegno di ieri in Cappella Farnese.

Un tema, quello della moschea, che il presidente della comunità islamica di Bologna si è raccomandato di tenere fuori dalla campagna elettorale. “Lo capisco bene- concorda Merola- quindi quando ci sarà la loro richiesta allora sarà il tempo maturo per farlo”. Su dove e quando costruirla, dunque, il sindaco non si sbilancia. “Non sarà al Pilastro perché dovremo sentire dalla comunità islamica le loro indicazioni- spiega Merola- ma il tema c’è ed è sul tappeto. Fa bene però il presidente della comunità a dire che vogliono innanzitutto aumentare la conoscenza dell’islam e della fede vera nell’Islam, soprattutto in questo periodo, e aumentare l’integrazione“. Quindi la moschea “sarà il risultato a questo punto più condiviso possibile”, afferma il sindaco.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»