L’idea del ministro Alfano: “Pene più dure per chi ha 16 anni”

carcere3post
Secondo Alfano, nonostante gli arresti, nelle strade si continua a sparare perché ci sono le baby gang: punta a fermarle
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

carcere

ROMA –  “L’ho detto ieri da Napoli e lo ribadisco con convinzione. Bisogna, a mio avviso, ridurre l’età punibile a 16 anni”. Lo ha detto il Ministro dell’Interno, Angelino Alfano, intervenendo questa mattina ad Agorà su Rai3.

sbarre_sciuscià

“Abbiamo arrestato nell’ultimo anno, proprio a Napoli, 5 latitanti nell’ambito camorristico e non solo. In 6 mesi sono state arrestate 180 persone, eppure si continua a sparare e gli omicidi crescono. Perché? La risposta è che ci sono le baby gang. Forse allora non si può dire che a 16 anni tu sia inconsapevole di quello che fai con una pistola in mano. Allo stesso modo non possiamo dare la possibilità a chi vuole giovarsi delle pene più tenui, più leggere nei confronti dei minorenni per usarli. Questi ragazzi vengono chiamati la fondina dei terroristi. I boss consegnano loro la pistola perché non sono imputabili come gli adulti“.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»