Giunta Musumeci senza donne dopo il rimpasto, Pd avvia azioni legali

"Una decisione anacronistica che compromette l'immagine della Sicilia", afferma il segretario dem Anthony Barbagallo
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

PALERMO – “Sulla mancanza di donne nella giunta Musumeci il Partito democratico siciliano procederà alle vie legali. Daremo incarico a un pool di esperti, coordinati dall’avvocato Antonio Saitta, per valutare ogni azione legale, non soltanto a tutela del diritto della parità di genere ma anche dell’immagine della Sicilia compromessa dalla scelta di Musumeci“. Lo afferma il segretario del Pd Sicilia, Anthony Barbagallo, criticando aspramente la nuova composizione della giunta regionale siciliana, annunciata da Musumeci, che formalizza l’assenza di donne nella compagine governativa.

“Una decisione anacronistica – prosegue Barbagallo – che fa ripiombare la Sicilia nel Medioevo, ma anche paradossale: si impone ai comuni la presenza delle donne in giunta e l’ente sovraordinato, la Regione, invece se ne infischia”. Secondo il Pd “a nulla serve il lungo elenco di donne, valenti e con indiscutibili meriti professionali, scelte da Musumeci per ricoprire incarichi prestigiosi sia nello staff sia ai vertici burocratici regionali”. “Il dato di fatto e’ che – dice Milena Gentile, responsabile del dipartimento Pari opportunità e politiche di genere del Pd siciliano – l’unica donna presente in giunta regionale è stata sacrificata in virtù di meri scambi di convenienza politica. Per questo, a ridosso del capodanno, abbiamo dato avvio alla campagna #inmezzoalleorecchie, raccogliendo una valanga di proteste e di petizioni. A questo punto non ci possiamo fermare, perché finalmente la Sicilia si adegui alle regioni del resto d’Italia applicando la legge Delrio, che prevede – conclude – il 40% della presenza di donne in giunta. Chiediamo inoltre l’approvazione della doppia preferenza di genere per la legge elettorale regionale”.

LEGGI ANCHE: Sicilia, rimpasto in Giunta. Grasso: “Non sono vittima di giochi di palazzo”

BONETTI: “GIUNTA AL MASCHILE NON RENDE GIUSTIZIA ALLE DONNE SICILIANE”

Una giunta tutta al maschile non rende giustizia alle donne di Sicilia, che contribuiscono al pari degli uomini a rendere grande quella terra. Una brutta pagina di politica niente affatto onorevole per il Presidente e la sua maggioranza”. Così su twitter Elena Bonetti, ministro per le Pari Opportunità e la Famiglia. 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»